More

    Tony Gilroy rivela una marea di dettagli su Andor e la seconda stagione!

    -

    Tra le tante qualità che lo contraddistinguono, Tony Gilroy possiede anche una chiarezza che è rara in Lucasfilm quando si tratta di rivelare dettagli o anticipazioni. Lo showrunner di Andor invece ha rilasciato un’ulteriore ricca intervista in cui ha parlato del destino dei personaggi in Andor, delle tematiche della seconda stagione, degli easter egg, delle costruzioni di Narkina 5, dei pareri sul prodotto ai piani alti, ecc. Trovate di seguito le sue parole! (Seguono piccoli spoiler della 1×10).

    L’intervista a Tony Gilroy

    tony gilroy andor stellan skarsgard
    Tony Gilroy, showrunner della serie Andor

    Lo showrunner è stato intervistato dal The Hollywood Reporter, e ha cominciato dandoci qualche anticipazione sul futuro di Luthen Rael, l’amatissimo personaggio interpretato da uno straordinario Stellan Skarsgard: “[Luthen è] un giocatore di scacchi, amico. Sta sacrificando un castello per proteggere la sua regina. Quindi non credo che la storia di Kreegyr sia ancora finita”, dice Gilroy. “Luthen è in una situazione molto difficile e la sua posizione nei prossimi cinque anni non potrà che complicarsi. Vedrete l’inizio di questi problemi nel decimo episodio. Questa è anche una delle principali questioni che affronteremo nella seconda stagione.

    Gilroy ha dichiarato in precedenza sempre al THR di aver esortato i suoi collaboratori di Andor a mettere da parte la loro venerazione per Star Wars al fine di raggiungere la verosimiglianza, il che significava anche resistere alla tendenza del franchise a mettere in primo piano gli easter eggs (o i camei fini a se stessi). Tuttavia, quest’indicazione non ha impedito al reparto artistico di nascondere alcuni elementi degni di nota, con grande sorpresa di Gilroy.

    Ogni tanto ci infilano dentro cose che nemmeno io sapevo“, racconta Gilroy. “Stavo leggendo online delle antichità presenti nella galleria di Luthen, e la provenienza di alcune di queste antichità mi era nuova. Quindi è stato fantastico che il dipartimento artistico abbia inserito quelle cose lì“. L’ennesima dimostrazione che, lavorando in perfetta sinergia con lo story group, i risultati si vedono e la lore non viene intaccata ma arricchita. Vediamo ora il resto dell’intervista!

    Beh, Tony, ho amato questa serie già dai primi quattro episodi, ma ora, dopo dieci episodi, sei assolutamente certo di non voler tornare al piano originale di cinque stagioni?

    (Ride) Mi verrebbe da pensare che tu abbia un po’ di pietà e che guardando a quello che stiamo facendo dica: “Non ce la faresti fisicamente”. Voglio dire, tutti possono vedere quanto abbiamo dovuto investire in questo progetto, e non siamo ancora alla fine. Ne abbiamo ancora un paio da fare, e quindi sarebbe folle fare una cosa del genere a se stessi. Siamo troppo vecchi.

    Perdonate la mia golosità. Ad ogni modo, avete ricevuto recensioni entusiastiche ad ogni passo, quindi qual è la temperatura al momento alla Lucasfilm? Kathy Kennedy e soci sono al settimo cielo?

    Penso di sì, sì. Sono tutti molto [contenti]. Non ho mai avuto recensioni o affermazioni del genere in vita mia, per qualsiasi cosa. E la passione delle persone che mi hanno seguito è davvero travolgente. Non so cos’altro dire. Quindi sì, credo che tutti siano contenti. Sono tutti contenti che [House of the Dragon] e [Gli anelli del potere] si siano tolti di mezzo, e credo che molte persone stessero aspettando che qualcuno dicesse loro che ora è possibile guardare [Andor] o altro. Quindi il piano è che avremo una coda piuttosto lunga, e tutti sembrano piuttosto soddisfatti, a meno che non sappiate qualcosa che io non so.

    Col senno di poi, vorresti che avessero evitato del tutto (di uscire con) Dragon e Rings?

    È interessante perché abbiamo cambiato la data d’uscita originale [dal 31 agosto al 21 settembre]. Volevamo uscire proprio con loro, ma non era davvero nel nostro radar. Non sono sicuro che gli appuntamenti in streaming abbiano raggiunto il livello di articolazione militare che ha il rilascio dei film. È strano. So che su questi spettacoli si muovono enormi scacchiere di denaro, ma molte persone fanno le cose per la prima volta. Voglio dire, sto facendo una seconda serie di interviste su qualcosa che ho realizzato. È una cosa nuova. Come facciamo? Tutto questo è nuovo. “Oh mio Dio, dobbiamo avere delle pubbliche relazioni che durino cinque mesi? Dobbiamo fare pubblicità per cinque mesi?”. Tutti fanno cose nuove, ma non sono sicuro che tutti fossero in grado di capire quando sarebbe successo. Quindi è stato un bene che ci siamo mossi più tardi.

    L’unica nota strana che ho visto ha a che fare con il numero di alieni, il che è buffo visto che l’episodio dieci ne ha un mucchio sullo sfondo. Toby Haynes mi ha detto che lei voleva che questo tipo di cose fossero nel tessuto della serie, non in primo piano. Come descriverebbe la sua logica?

    La politica è già molto presente nella serie, e noi stiamo cercando di raccontare una storia d’avventura. Quindi, l’aggiunta di forti personaggi alieni significa che all’improvviso ci sono un mucchio di nuove questioni da affrontare che non capisco bene o non riesco a trovare un modo per inserirle in quello che stiamo facendo. Ne vedrete di più man mano che andremo avanti, ma è una domanda legittima a cui risponderemo appunto più avanti. C’è un lato della storia più incentrato sull’uomo e sulla politica. Di certo non ci sono alieni che lavorano per l’Impero [a parte Thrawn, N.d.R.], quindi questo fa pendere la bilancia da una parte, automaticamente.

    Dal punto di vista della sensibilità, c’è stato un calcolo per cui [lo sceneggiatore] Dan Gilroy ha scelto l’arco della rapina e [lo sceneggiatore] Beau Willimon quello della fuga dalla prigione?

    Beh, io e Danny siamo arrivati con lo stesso tipo di abilità; Beau aveva un’abilità diversa. Beau è l’uomo che ci ha davvero battuto sul tempo in termini di trama e di lavagna. Abbiamo fatto la stanza degli sceneggiatori solo per cinque o sei giorni, ma Beau non aveva mai girato nulla prima. Quindi forse questo ha avuto a che fare con la situazione. Io e Danny abbiamo fatto molte cose del genere, quindi si trattava di un territorio familiare, ma sarebbe potuta andare facilmente nella direzione opposta.

    Vi hanno aiutato a creare la seconda stagione?

    Sì, abbiamo fatto la stessa cosa dell’ultima volta. Abbiamo solo fatto una versione un po’ più lunga. Credo che abbiamo trascorso sette giorni [nella stanza degli sceneggiatori] e abbiamo coinvolto anche un altro sceneggiatore. Abbiamo coinvolto un ragazzo di nome Tom Bissell, che è uno scrittore davvero forte e ha un curriculum davvero interessante [The Mosquito Coast (2021), autore di The Disaster Artist]. Ha anche un interesse molto forte per Star Wars, ed è quasi un fan nerd di Star Wars. E come sapete, stiamo arrivando a Rogue, quindi copriremo quattro anni [nella seconda stagione]. E molto di questo è canonico, quindi è stato davvero utile avere una voce canonica più forte nella stanza.

    Il sesto episodio è stato un bel traguardo. È stato il montaggio più difficile della prima stagione? Il [co-editore] John Gilroy era fuori di sé?

    Il sesto episodio è stato molto difficile da mettere insieme, quindi direi di sì. Sto cercando di pensare a quando io e Johnny abbiamo litigato di più. Sì, la sei è stata dura. Dodici è stata molto, molto dura, ma in modo divertente. È un pasto molto abbondante. È molto abbondante e ha un sacco di cose da affrontare. Ma sì, il sei è stato difficile. Il sesto episodio è stato molto più ricco di materiale editoriale rispetto alla maggior parte degli episodi.

    Ma sono sbalordito da quanto mi piace guardare il supervisore dell’ISB Dedra Meero (Denise Gough). Perché ha voluto mettere il pubblico nei panni di un fascista?

    Beh, voglio essere nei panni di tutti. L’intero lavoro è l’empatia. Voglio dire, il lavoro è questo. Se vuoi farlo bene, devi stare con tutti. Non riesco a immaginare di scrivere personaggi per i quali non riuscirei a sostenere il loro punto di vista per il momento in cui sono con loro. Quando l’abbiamo scritta e costruita, abbiamo vissuto esattamente la stessa esperienza che sta vivendo il pubblico. Ci siamo detti: “Oh mio Dio, è una donna intrappolata in questa cosa, e c’è solo un’altra donna che lavora lì. Lavora anche più duramente di tutti gli altri e non le viene riconosciuto alcun merito. È una sfavorita. Facciamo il tifo per lei. Come possiamo renderla forte?”. Poi siamo arrivati a Ferrix e ci siamo detti: “Oh mio Dio, guardatela. Cosa sta facendo?”. Ci deve essere un altro termine per dire “camminare nei panni di qualcuno”. Non devi approvare il pensiero, la filosofia, il sadismo o qualsiasi altra cosa di qualcuno, ma devi entrare e stare con lui se vuoi davvero avere un personaggio forte.

    Anche Syril Karn (Kyle Soller) rimane assolutamente affascinante e, durante il primo incontro con la stampa, ti ho sentito rispondere a chi lo ha definito un fascista per quattro episodi. Come lo vede a questo punto del suo arco narrativo, dopo aver praticamente confessato il suo amore a Dedra?

    Beh, non so se le ha già confessato il suo amore, o se lo farà, ma non è un fascista. In realtà non è formato. Ovviamente gli piacciono le regole. Gli piace l’ordine. Vediamo il paesaggio caotico ed emotivo in cui è cresciuto, e la semplicità delle cose che sono come dovrebbero essere e delle persone che fanno il loro lavoro è ciò che lo mantiene sano di mente. Combattere il caos è ciò che lo mantiene sano di mente, e quell’energia e quella motivazione sono, ideologicamente, in palio. Non credo che l’ideologia di Dedra sia in discussione. Ovviamente non credo che lo sia nemmeno quella dell’ISB, ma c’è qualcosa di non formato in Syril. È altrettanto facile vederlo andare in diverse direzioni. A questo punto, i suoi problemi sono molto più personali; sono più comportamentali e psicologici che ideologici.

    Si continua a speculare su ciò che si sta costruendo su Narkina 5, e fino a quando non ho parlato con Andy Serkis di recente, pensavo che la risposta non fosse importante. Quindi cosa si può dire di questi blocchi in costruzione?

    Stanno costruendo la seconda stagione. (Ride). È la spina dorsale della seconda stagione. Ne ho sentite di tutti i colori, è fantastico. Tutto il materiale che l’Impero ha, lo guardo come se fosse “Economicamente, come funziona? Chi ha costruito Scarif? Come si costruisce? Come si costruisce Eadu? Come si costruisce la Morte Nera e questa armata di navi?”. Ci sono un sacco di cose che devono essere costruite, e c’è un’incredibile quantità di materiale. Quindi, per me, non è tanto importante quello che stanno costruendo, quanto la sua scala. Quando vai all’Imperial Bureau of Standards, dove lavora Syril, pensi: “Oh mio Dio”, e lui sta solo lavorando alla scrivania della purezza del carburante. Ma questo è ciò che serve per gestire l’Impero. Quindi è proprio la scala che stiamo cercando di suggerire.

    Per il look e l’ambientazione di Narkina 5, il [production designer] Luke Hull si è effettivamente ispirato a THX 1138, come molti hanno teorizzato?

    È affascinante, perché quando siamo entrati nella stanza sapevo che Cassian va in prigione. Ma tutti dicevano: “Oh mio Dio, una fottuta prigione. Come fate a fare qualcosa di nuovo?”. Perché non volevamo fare quello che tutti avevano fatto prima. Eravamo assolutamente irremovibili su questo punto. Questa è la regola. Onestamente non so chi abbia detto per primo “pavimenti elettrici”, ma qualcuno ha detto “pavimenti elettrici”. E all’improvviso ci siamo chiesti: “Oh mio Dio, cosa significa?”. Così abbiamo passato tutto il giorno a costruire la prigione, e Luke era lì con noi, a costruire la prigione.

    Siamo diventati così pazzi per queste cose. Molte persone pensano che la prigione sia solo bianca, ma ci sono miliardi di tipi di bianco. Quando stavamo realizzando la sala conferenze dell’ISB, dovevamo anche capire i nostri bianchi e quanto grigio c’era. Ma credo che ci fossero immagini di THX 1138. So che c’erano immagini de Il conformista, quindi sono sicuro che c’erano immagini di THX, di quei bianchi. Quindi è una felice convergenza, ed è davvero piacevole e bello che sia il primo film di George Lucas. Ma sicuramente dopo siamo tornati a guardarlo e ci siamo detti: “Oh mio Dio, guarda quei bianchi”.

    “Non so nuotare” è un momento eroicamente tragico, poiché Kino (Andy Serkis) ha guidato i suoi compagni di prigionia verso la libertà sapendo benissimo che non ce l’avrebbe fatta. Si presume che Kino sia stato giustiziato poco dopo?

    Non lo so. Non è morto. È morto? Non lo vedo morire [nel decimo episodio].

    Cassian (Diego Luna) è in fuga con Melshi (Duncan Pow), che era presente anche in Rogue One. L’idea di Melshi è nata dal fatto di aver rivisto Rogue e di aver scelto a mano alcune parti profonde da reintrodurre su Andor?

    Amo il personaggio. Duncan Pow, che interpreta Melshi, è stato un grande protagonista di Rogue e mi è piaciuto molto. Quindi mi sono chiesto: “Come possiamo farlo tornare?”. Ci saranno altre cose da fare lungo il percorso, ma la prigione mi è sembrata un luogo ideale per mostrare dove e come si incontrano.

    Sinceramente preferisco questo livello di dettaglio, rispetto a qualcuno come Darth Vader.

    Oh, bene! Ecco cosa stiamo scavando. Ecco dove siamo arrivati.

    Nell’ottavo episodio, Luthen (Stellan Skarsgard) voleva che Saw (Forest Whitaker) incontrasse il leader dei Sepratisti Anto Kreegyr, ma ora è disposto a sacrificare Kreegyr per proteggere Lonni (Robert Emms), la sua talpa dell’ISB. Allora, dov’è la testa di Luthen in questo momento?

    Avete visto il suo grande discorso.

    Certo che l’ho visto! Roba da non credere.

    Beh, è un giocatore di scacchi, amico. Sta sacrificando un castello per proteggere la sua regina. Quindi non credo che la storia di Kreegyr sia ancora finita. Luthen si trova in una situazione molto difficile e la sua posizione nei prossimi cinque anni diventerà sempre più complicata, perché come si costruisce questa rete? All’inizio dice che l’ha costruita per 10 o 12 anni, ma all’improvviso, con Aldhani, si fa un gran rumore. All’improvviso, si espongono. E in un senso politico classico, è un acceleratore. Crede nel fatto che si debba fare molto male per indurre le persone a cambiare.

    Una volta fatto l’annuncio [tramite il furto di Aldhani nel sesto episodio], una volta fatto, non sei più responsabile di ciò che hai messo in circolazione. Quindi come si fa a destreggiarsi tra le paranoie? Come si mantiene la segretezza? Come si fa a fare le cose in grande e a rimanere piccoli e stretti? Come ci si espande mentre l’espansione rende più vulnerabili? Questi saranno problemi. Ne vedrete l’inizio nell’episodio dieci e in questa tranche. Questa è anche una delle principali questioni che affronteremo nella seconda stagione.

    Provocare l’Impero a peggiorare le cose è un ottimo strumento di reclutamento.

    Sì, si chiama “accelerazionismo”. Credo sia il termine dialettico. Copre tutti i lati dello spettro politico. Può essere di destra o di sinistra, può essere ovunque. Ma è l’idea di “non posso convincere le persone a fare qualcosa se non la sentono davvero”. E questo è un classico della leadership rivoluzionaria. Voglio dire, si potrebbe tornare indietro di 2000 anni e trovare persone che lo facevano.

    Essendo Vel (Faye Marsay) la cugina di Mon Mothma (Genevieve O’Reilly), avete dovuto controllare il canone per individuare eventuali contraddizioni?

    Il canone su Mon non è così ampio come si potrebbe pensare. Viene da Chandrila. È diventata senatrice a 16 anni. Sappiamo quando lascia il Senato; è canonicamente sul nostro calendario. Ma la sua vita familiare era in bilico.

    Abbiamo già detto che lei non era un fanatico di Star Wars quando è entrato in Rogue e, prima di Andor, presumo che nemmeno Dan e Beau lo fossero. Quindi, una volta scritte le sceneggiature, un cervello della Lucasfilm avrebbe aggiunto il gergo tecnico di Star Wars a posteriori?

    No, ma abbiamo Pablo Hidalgo. È una specie di curia del Vaticano lassù alla Lucasfilm. È la voce finale, ma abbiamo molte persone nello show. Mohen Leo, il nostro supervisore degli effetti visivi che ha partecipato anche a Rogue, è una parte fondamentale del nostro show e un elemento davvero importante. Mohen e il suo team sanno tutto. Abbiamo un sacco di persone che si occupano dello show e che sono molto esperte. Quindi, se abbiamo una domanda, la facciamo, ma è una sorta di sistema organico. Di tanto in tanto, ci infilano dentro cose che nemmeno io sapevo. Stavo leggendo online delle antichità presenti nella galleria di Luthen, e la provenienza di alcune di queste antichità era una novità per me. Quindi è stato fantastico che il dipartimento artistico abbia introdotto quelle cose lì, ma in generale si tratta di un processo collaborativo, organico e continuo.

    Il suo lavoro è pieno di compromessi, ma qual è quello che si è rivelato più vantaggioso durante il percorso?

    Aldhani è stato originariamente concepito per avere sei o settemila persone nella valle, ma con il Covid, mio Dio, non è stato possibile mettere insieme così tante comparse. Non si possono portare in collina, non si possono mettere nei furgoni, non si possono fare tutte queste cose. Al di là delle difficoltà economiche, era una cosa fisicamente impossibile da fare. Quindi c’è un problema. L’intera faccenda è scritta a senso unico. È un affare enorme. Quindi si pensa: “Oh mio Dio, è tutto rovinato. È tutto da buttare”. Ma quello che ne viene fuori è qualcosa di ancora migliore, perché la risposta è in realtà più triste e più importante. È solo la fine. È solo il capolinea [per i Dhaniani]. È una cultura che si sta esaurendo e che diventa la cosa dominante.

    E poi, oh mio Dio, quel monologo in cima viene fuori da lì, e l’intero concetto di ingegnere viene fuori da lì e da un approccio completamente nuovo alla squallidezza e alla miseria. Così, all’improvviso, è più reale, è migliore e sono molto soddisfatto di come è venuto fuori. La maggior parte delle limitazioni che ci sono state presentate sono interamente legate al budget. Non riceviamo alcuna spinta per quanto riguarda lo show in sé, ma dal punto di vista del budget abbiamo delle limitazioni. E direi che otto volte su dieci questo porta a un miglioramento.

    Condividerà con noi qualche scena eliminata prima o poi?

    Ci sono una o due piccole sequenze che abbiamo girato ma che non abbiamo utilizzato. A parte questo, abbiamo mangiato l’intera mucca. Gli zoccoli, le corna… Non abbiamo scarti. Siamo ben finanziati, ma non siamo sovrafinanziati. Non siamo uno di quegli spettacoli con un budget illimitato. Ci sono alcuni spettacoli che hanno budget illimitati. Non si preoccupano. Ma noi non siamo così. Abbiamo un controllo molto, molto stretto su ciò che facciamo, quindi non abbiamo nulla che non abbiamo usato. Ci sono un paio di cose che abbiamo ritrasferito e spostato, e ci sono un paio di cose che abbiamo girato di nuovo lungo il percorso perché avevamo la possibilità di farle meglio. Ma no, non è quel tipo di spettacolo. Non possiamo permettercelo.

    Hai riscritto il primo blocco di episodi quando è arrivato il Covid. Qual è stato il cambiamento più grande?

    Ero così ingenuo e tutto è successo così in fretta. Era tutto così incerto. “Lo stiamo facendo davvero? Possiamo davvero ottenere i soldi?”. Così abbiamo continuato ad avanzare in punta di piedi per sette mesi o qualcosa del genere. Ero al punto in cui stavo preparando e iniziando il casting, ma non sapevo davvero a che livello avremmo dovuto portarlo. Alla fine, le sceneggiature devono essere assolutamente perfette. Avevamo bisogno di 600 pagine e non lo sapevamo. Beau lo sapeva già da House of Cards, ma i requisiti sono un po’ diversi. Tutti gli elementi di design e di budget. Si trattava davvero di dire: “Oh mio Dio, se vogliamo davvero realizzarlo, ogni singolo momento deve essere scavato”. E la consapevolezza di questo ti riporta indietro [alla tastiera]. (Tony Gilroy ride e alza la tastiera) È qui che mi trovo anche oggi. Devi solo raggiungere la perfezione, e io navigavo spensieratamente, pensando che si sarebbe curato da solo o che sarebbe andato tutto bene o che avrei potuto gestirlo. Ma non avevo capito a cosa andavo incontro, quindi il Covid ha davvero salvato lo spettacolo. (Ride.)

    Ognuno dei personaggi di Rogue sarebbe stato un prequel interessante, ma ignorando il fatto che c’era già una serie su Andor in fase di sviluppo, è Cassian il personaggio verso cui avresti comunque gravitato per un prequel?

    Credo che anche la serie su Jyn Erso [Felicity Jones] sarebbe stata molto affascinante. Il mio atteggiamento è che si può fare chiunque. Voglio dire, il dramma domestico di Bodhi Rook [Riz Ahmed]… Tutto può essere interessante se ci si immerge. Se si scava a fondo, è tutto interessante. Chi è che non lo è, in realtà? Quella di Cassian è un po’ più succosa perché finirà su quella spiaggia e darà tutto, consapevolmente.

    La conversazione sulla narrazione dei prequel mi ha sempre frustrato. Per esempio, alcune persone ti hanno detto che la serie non ha una posta in gioco perché abbiamo già visto la fine di Cassian in Rogue. Tuttavia, lei ha respinto questa idea dicendo che le nostre vite hanno ancora una posta in gioco, anche se sappiamo che moriremo.

    Esattamente.

    Quindi la ringrazio per questo.

    Mi fa molto piacere. È nato da una conversazione che abbiamo avuto una sera a cena. Ho pensato: “Lo userò domani”.

    Toby mi ha detto che l’interno del set di Maarva (Fiona Shaw) era così freddo il giorno in cui è stata girata la scena che il suo respiro era visibile, ma per quanto riguarda la storia, perché si ostina a stare seduta al freddo? Sia Cassian che Brasso hanno commentato la cosa.

    È un’anziana dura, amico. È così che è. In realtà si adatta perfettamente. Lei dice: “Accendo il termostato solo quando scende sotto il livello di temperatura”.

    Ho lasciato la domanda peggiore per ultima. In realtà è più una battuta sulla congiunzione di coordinamento, se esiste una cosa del genere.

    Andiamo avanti!

    Che ne pensate di questa ricchissima intervista di Tony Gilroy? Fatecelo sapere nei commenti! E continuate a seguirci, anche su FacebookYouTubeInstagram e TwitterVi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    Fonte

    Gaetano Vitulano
    Gaetano Vitulanohttps://insolenzadir2d2.it
    Studente di Giurisprudenza, cinefilo incallito, nel tempo libero promotore della sacra religione di Star Wars come founder de "L'Insolenza di R2-D2". Insolente quanto basta, cerco di incamerare la mia creatività nella scrittura, nell'oratoria, e soprattutto nell'arte della risata.

    ULTIMI ARTICOLI

    Svelato il titolo di lavorazione della serie su Obi-Wan!

    Tra i prodotti di Star Wars più attesi...

    Anteprima di Rogue One: la critica promuove il film

    Ieri è andata in scena l'anteprima per la sola...

    Tales of the Jedi: trapelata la durata degli episodi

    Il prossimo mercoledì 26 Ottobre, oltre al consueto appuntamento...