More

    The Mandalorian 2: la recensione dell’ultima puntata!

    Un finale spettacolare...

    -

    La seconda stagione di The Mandalorian si chiude oggi e lo fa nella maniera più incredibile possibile. La puntata è un capolavoro, soprattutto per l’eccezionale epilogo. Siamo ancora sconvolti dalle emozioni dell’episodio, che ha regalato alcuni dei momenti più leggendari della serie e forse di tutto l’universo di Star Wars. Queste sono le nostre impressioni, come sempre senza e con spoiler…

    Il finale di The Mandalorian

    Mando e Boba in The Mandalorian
    Mando e Boba.

    La puntata s’intitola The Rescue (Il salvataggio) e, senza girarci troppo intorno, possiamo già inserirla all’interno dei classici della saga di Star Wars. C’è tutto quello che Star Wars dovrebbe essere: epici duelli, personaggi indimenticabili, e soprattutto, emozioni forti. Perché The Rescue chiude (per ora) il cerchio di un arco iniziato 16 capitoli fa, quando un piccolissimo Grogu allungava il dito verso quello di Mando. Il loro rapporto arriva qui a un punto di svolta che era stato in qualche modo annunciato sin dall’inizio della stagione. Ma forse non eravamo pronti noi a vederlo.

    La puntata ruota intorno alla missione di Mando per recuperare Grogu sull’incrociatore di Moff Gideon. Oltre all’aiuto di Boba Fett, Fennec e Cara Dune, ritroviamo altri due personaggi introdotti in questa seconda stagione. La loro presenza, soprattutto nel finale, arricchisce tantissimo l’episodio, dandoci anche qualche segnale su cosa succederà nella prossima serie.

    Se la prima parte della puntata è stata in qualche modo “prevista” dagli eventi delle scorse settimane, a sorprendere e a lasciarci con gli occhi gonfi di lacrime sono gli ultimi venti minuti. Questa lunga sequenza finale è forse la migliore di tutta la serie, per vari motivi. C’è il ritorno di uno (anzi, due!) tra i personaggi più iconici della saga, un colpo di scena totalmente imprevedibile. C’è un duello attesissimo e reso magnificamente, e c’è un momento intimo finale che rimarrà per sempre nei nostri cuori come una delle scene più belle di tutto Star Wars.

    Insomma, quest’episodio non poteva essere migliore: adesso l’unica cosa difficile sarà aspettare un altro anno per sapere come andranno avanti dopo questo colpo di scena le avventure di Mando e Grogu. Non possiamo dire altro senza fare spoiler, quindi chi non ha visto la puntata si fermi qui…

    Il salvataggio

    I Dark Trooper in The Mandalorian
    I dark trooper nella puntata.

    ATTENZIONE SPOILER ULTIMA PUNTATA THE MANDALORIAN!!!!

    Mando, Boba, Fennec e Cara Dune rapiscono il Dottor Pershing per avere informazioni sull’incrociatore di Gideon. Per la missione, Mando assolda Bo-Katan e Koska, promettendogli in cambio del loro aiuto di lasciargli prendere la nave del Moff e la Darksaber. Viene elaborato un piano: mentre tutti gli altri cercheranno di prendere il ponte della nave, Mando scivolerà dietro le linee nemiche e andrà alla cella dove viene tenuto Grogu.

    Per farlo però, Mando deve passare nella sala dei Dark Trooper. Dopo uno scontro con uno di loro, riesce a eiettarli tutti fuori nello spazio. Da questo momento in avanti, la puntata prende una piega totalmente inaspettata. Bo-Katan e le altre conquistano il ponte ma non riescono a trovare Gideon. Questi, infatti, sta aspettando Mando nella cella di Grogu. Dopo un intenso scambio, Gideon e Mando iniziano a duellare: Gideon con la Darksaber, Mando con l’asta di beskar puro. Il duello non è un lunghissimo, ma è all’altezza delle aspettative per tensione e regia. Ci si poteva aspettare che questo sarebbe stato il finale di stagione, ma le sorprese sono ancora molte.

    Mando sconfigge Gideon e lo porta sul ponte. Qui, si consuma il dramma di Bo-Katan: Mando ha sconfitto in duello Gideon e quindi la Darksaber appartiene a lui. Mando vorrebbe dargliela ma Bo-Katan rifiuta. La discussione viene interrotta dall’arrivo dei Dark Trooper, rientrati sulla nave grazie ai loro propulsori. I nostri non hanno molte speranze contro un intero plotone di droidi assassini, ma all’improvviso, arriva un X-Wing

    Il ritorno dell’insolente

    Luke, R2 e Grogu in The Mandalorian
    Luke, R2 e Grogu

    Cerchiamo di mantenere la calma. Nelle ultime settimane si erano rincorsi rumor di ogni tipo su chi fosse lo Jedi chiamato da Grogu su Tython, e il suo nome era uscito varie volte, più come un miraggio che come una possibilità concreta. E invece l’hanno fatto davvero. Con la sua spada laser verde, incappucciato nel mantello nero, Luke Skywalker scende dall’X-Wing. Distrugge il plotone di Dark Trooper con una facilità disarmante (e una citazione epica a Rogue One) e poi si presenta sul ponte.

    Come ogni titolo di The Mandalorian, anche The Rescue ha due significati. Quello di Luke è il secondo salvataggio della puntata, ed è quello che non ci saremmo mai aspettati. Non ci siamo ancora ripresi dall’arrivo di Luke (interpretato da Mark Hamill ringiovanito) che The Mandalorian tira fuori forse il capolavoro della serie. Luke è venuto a prendere Grogu come apprendista, e il piccolo, come spiega proprio il Jedi, chiede il permesso a Mando di andare con lui. Mando acconsente, poi lo prende in braccio. Senza una parola, capiamo tutto. Prima di separarsi, Grogu vuole vedere Mando in faccia, e Mando si leva l’elmo per lui. E’ in lacrime, e lo siamo anche noi.

    Poi sentiamo un rumore familiare. Visto che non bastavano i colpi al cuore, The Mandalorian ci regala anche R2, che si mette accanto a Luke. Mando lascia andare Grogu, che viene preso dal Jedi. Mentre noi stiamo piangendo sia di gioia che di dolore, partono i titoli di coda, che non sono però il finale di stagione, perché c’è un’altra scena in fondo a tutto. Boba torna su Tatooine e, tramite un cartello, viene annunciata la serie spin-off su di lui.

    Gioco, partita, incontro. In venti minuti succede di tutto. Quella sensazione incredibile che lascia il finale, il misto di eccitazione e di tristezza, lo riescono a dare soltanto i momenti più alti di tutta la saga, come la fine di Episodio V, Episodio III, l’epilogo di Rogue One. Siamo di fronte a una delle opere più meravigliose di tutto l’universo, e dobbiamo solo ringraziare Filoni e Favreau, perché ci hanno fatto provare quelle emozioni che forse solo a sei anni, quando guardavamo Star Wars per la prima volta, riuscivamo a sentire.

    Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuta la puntata? Fatecelo sapere nei commenti! Qui trovate il nostro approfondimento con gli easter egg e i riferimenti dell’ultimo episodio. Continuate a seguirci anche su FacebookInstagram e Twitter, vi terremo costantemente aggiornati sul tutte le novità dell’universo di Star Wars.

    Giorgio Nicolai
    Studente di cinema e aspirante sceneggiatore, grazie a Star Wars ho iniziato ad appassionarmi a questo mondo, con la speranza, un giorno, di entrarci. La strada è dura, ma per fortuna ci sono gli insegnamenti di Obi Wan e di Yoda a guidarmi: fare o non fare, non c'è provare!

    ULTIMI ARTICOLI

    La storia dei leggendari Cantina Band

    Non basterebbe una vita intera ad elencare tutti gli...

    Come la morte di Carrie Fisher ha stravolto Episodio IX

    Sono passati quasi cinque mesi dalla scomparsa di Carrie...

    Il coraggio di Rogue One

    Sono passati già parecchi mesi da quando al cinema...