Manca meno di un mese ormai all’uscita nelle sale cinematografiche dell’attesissimo ottavo capitolo della saga di Star Wars, The Last Jedi. Oltre alle tantissime rivelazioni che ci attendono, questo Episodio VIII introdurrà nell’universo di Star Wars tante nuove creature aliene mai viste prima. Oltre ai fantomatici Porgs, ci sono altre specie molto interessanti da scoprire; una di queste è rappresentata dalla Vulptex, le stupende volpi di cristallo che abbiamo visto nel trailer della pellicola.

Fino ad oggi non conoscevamo molto su queste creature: oltre al loro splendido aspetto, sapevamo solo che abitano sul pianeta Crait. E’ grazie allo speciale di Entertainment Weekly che abbiamo scoperto molte cose interessanti su di loro.

La creazione delle volpi di cristallo

crait resistenza fuga leia episodio viii gli ultimi jedi star wars
Il pianeta Crait in una scena del teaser di The Last Jedi

Come detto, la Vulptex (Vulptices al plurale) è una creatura che vive sul desolato pianeta Crait. In Episodio VIII il suddetto pianeta sarà sicuramente teatro di una battaglia tra Resistenza e Primo Ordine, come possiamo intuire dal trailer e dagli spot tv. Crait è legato anche agli eventi della trilogia originale, poiché è stato una vecchia base dell’Alleanza Ribelle nella lotta contro l’Impero. Ciò sarà narrato nel fumetto The Last Jedi: Storms of Crait, che uscirà poco dopo la pellicola. Tornando alle nostre bellissime volpi, quello che colpisce è sicuramente il loro design. Delle creature ha parlato, nello speciale di EW, l’esperto di effetti speciali Neal Scanlan, che è a capo delle creature dell’universo di Star Wars.

Queste le sue parole in merito al particolare aspetto delle volpi: “L’idea è che queste meravigliose creature selvatiche abbiano continuato a vivere sul pianeta, consumandone la superficie e diventando così di cristallo“. L’ispirazione per il loro design deriva da dei lampadari di cristallo, mentre il loro nome deriva dal latino vulpes (volpi, appunto).

Le volpi prendono vita

Per “dare vita” alle volpi, Scanlan ha dichiarato di aver utilizzato un cane come prototipo: Abbiamo utilizzato un piccolo cane, per cui abbiamo realizzato una mini-tuta che abbiamo ricoperto di cannucce trasparenti. Era meraviglioso vederlo muoversi. Riusciva a correre e saltare, e aveva questo fantastico effetto cinetico. Anche a livello sonoro era ottimo, perché tutte le cannucce oscillavano e si flettevano con l’animale”.

Da qui sono stati creati i prototipi animatronici delle volpi, che sono stati utilizzati per le riprese di The Last Jedi; come potete vedere nel video sopra. Dal cagnolino prototipo, ovviamente, sono stati costruiti anche i modelli digitali.

Il ruolo della bellissima Vulptex

volpi di cristallo star wars the last jedi
Uno splendido esemplare di Vulptex.
Da: Entertainment Weekly

Come detto, queste elegantissime creature vagheranno sul desolato pianeta di Crait. Esse però non avranno solo un ruolo di contorno. Stando a quanto affermato sempre da Scanlan, queste creature ad un certo punto giocheranno un ruolo fondamentale nella storia. Queste le sue parole in merito: “Vivono nei cunicoli e nei tunnel all’interno del pianeta. C’è un momento in cui la loro abilità di risplendere nell’oscurità servirà da luce guida per i nostri eroi.

Insomma, oltre ad essere delle splendide creature aliene, saranno anche funzionali alla storia. Nulla verrà lasciato al caso! Non vediamo l’ora che arrivi il 13 Dicembre, per poter ammirare queste creature e poter gustare The Last Jedi. Continuate a seguirci, vi terremo costantemente aggiornati su tutte le novità in merito alla pellicola.

Fonte: mondofox.it