More

    The Clone Wars 7: la recensione del nono episodio!

    -

    E’ arrivato su Disney+ il nono episodio di The Clone Wars, ed è quello che tutti ci aspettavamo, anzi, molto di più. L’assedio di Mandalore comincia col botto, e se questo è solo l’inizio, non possiamo nemmeno immaginare cosa avverrà nelle prossime settimane. L’episodio s’intitola Old Friends Not Forgotten e questa è la nostra recensione, senza e con spoiler…

    La puntata migliore di sempre?

    Ahsoka nel nono episodio di The Clone Wars
    Ahsoka Tano e Bo-Katan.
    Fonte: IGN

    Old Friends Not Forgotten è una delle migliori puntate dell’intera serie, raggiungendo le vette più alte dell’universo di Star Wars. Si ha da subito la sensazione di star guardando un film diviso in parti (infatti questa è la parte 1 dell’arco conclusivo, come dichiarato in apertura).

    La puntata è temporalmente vicinissima a Episodio III, dando quindi quella sensazione di prossimità che dava Rogue One con Episodio IV. In qualche modo, la drammaticità e l’epicità di fondo sono le stesse: sono le ultime avventure prima che tutto cambi senza possibilità di ritorno.

    Il ritmo è forsennato, ma si prende anche il suo tempo per una scena commovente, che racchiude in un’immagine il senso dell’intera serie. L’assedio di Mandalore, dal punto di vista dell’animazione, è eccezionale. Ma un po’ come tutte le sequenze di battaglia, che veramente, stavolta non hanno nulla da invidiare ad Episodio III e agli altri film.

    Old Friends Not Forgotten è tutto quello che volevamo dall’ultima stagione di The Clone Wars, ed è assolutamente da non perdere. E’ praticamente impossibile dire altro senza fare spoiler, quindi chi non abbia visto la puntata si fermi qui…

    Tra The Clone Wars e Episodio III

    Un fotogramma del nono episodio di The Clone Wars
    La squadra di Rex con gli elmi arancioni.
    Fonte: MickeyBlog

    ATTENZIONE SPOILER DELLA PUNTATA NOVE DI THE CLONE WARS!!!

    La puntata si apre introducendo Anakin e Obi-Wan in battaglia. Questa scena ci fa capire in maniera netta che ormai i due jedi sono al punto di partenza del loro arco di Episodio III. Successivamente, vengono contattati da Ahsoka che ha bisogno di aiuto insieme a Bo-Katan per riprendere Mandalore.

    L’incontro tra Ahsoka e Anakin è solo il preludio a una delle scene più emozionanti dell’intera saga. Per il ritorno di Ahsoka, Rex e la 501esima si sono dipinti gli elmi di arancione, e Anakin le dà le sue spade laser. E’ una scena che colpisce al cuore e va al senso più profondo di The Clone Wars.

    Quando arriva la notizia che il generale Grievous sta attaccando Coruscant, Anakin e Ahsoka si devono separare di nuovo. Anakin e Obi-Wan vanno a salvare il cancelliere Palpatine (come da protocollo dell’ordine dei Jedi), mentre Ahsoka prende una parte del commando di Rex e va su Mandalore per catturare Maul.

    Ahsoka qui abbraccia la sua nuova identità, dando un senso alle quattro puntate viste in precedenza. Ahsoka accusa Obi-Wan di andare a Coruscant non perché è la cosa più giusta da fare, ma per ragioni politiche. Ed è per questo che quasi più nessuno, come Trace e Rafa, crede nei jedi. Lei, invece, deve fare quello che le dice l’istinto, e il cuore, cioè aiutare Bo-Katan…

    L’assedio di Mandalore

    the clone wars assedio di mandalore
    Maul e Ahsoka in The Clone Wars

    Qui, l’azione diventa decisamente sempre più veloce. Il ritmo di Old Friends Not Forgotten è sfrenato, ma riesce sempre a dare il giusto peso a tutto. Mentre Anakin e Obi-Wan sono a Coruscant (e quindi alla prima sequenza di Episodio III), Ahsoka e i cloni dall’elmo arancione assediano Mandalore.

    Su questa sequenza, ci sono due punti da segnalare: l’animazione della battaglia, aerea, dinamica, veloce, è incredibile. La tensione è altissima e sembra veramente di stare in uno dei film. Il secondo punto è la relazione tra Ahsoka e Rex, vero cuore caldo di questa seconda parte di puntata.

    Una volta atterrati su Mandalore, Bo-Katan conquista la sala del trono, mentre Ahsoka viene attirata in una trappola, e la puntata si chiude con lei che si prepara allo scontro con Maul. Qui c’è una rivelazione decisamente interessante: Maul si aspettava Obi-Wan, non Ahsoka, e la trappola era per lui.

    L’episodio si conclude con un livello di tensione altissimo. Da una parte, ci avviciniamo agli eventi dell’ordine 66, mentre dall’altra, dobbiamo ancora addentrarci nei dettagli della “trappola” orchestrata da Maul. Insomma, l’attesa per venerdì prossimo è spasmodica.

    Non perdetevi inoltre il nostro approfondimento sui riferimenti presenti nella puntata, che sono tantissimi. Voi cosa ne pensate? Vi è piaciuto l’episodio? Fatecelo sapere nei commenti! E continuate a seguirci, anche su Facebook e Instagram! Vi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    Giorgio Nicolai
    Studente di cinema e aspirante sceneggiatore, grazie a Star Wars ho iniziato ad appassionarmi a questo mondo, con la speranza, un giorno, di entrarci. La strada è dura, ma per fortuna ci sono gli insegnamenti di Obi Wan e di Yoda a guidarmi: fare o non fare, non c'è provare!

    ULTIMI ARTICOLI

    Battlefront II: è ora disponibile anche il Conte Dooku

    Dopo l’introduzione del Generale Grievous e di Obi-Wan Kenobi, un nuovo...

    La storia di Revan: Il Cammino del Cavaliere Prodigo

    In questi giorni, dopo l'avvento della nuovissima Lucasfilm Games,...

    Hera Syndulla: Vanessa Marshall parla del personaggio

    Nelle scorse puntate di The Bad Batch abbiamo rivisto...