More

    Star Wars Visions: ecco i titoli e le sinossi delle puntate!

    -

    Star Wars Visions era uno dei progetti al quale ero più interessato tra quelli annunciati allo scorso Investor Day (assieme a The Acolyte), per via delle premesse dello show. Nove cortometraggi di Star Wars sviluppati e narrati dai migliori studi d’animazione nipponica? Da fan degli anime e di Guerre Stellari, questo è il paradiso.

    Ma dopo il suo annuncio il 10 Dicembre non avevamo avuto alcuna informazione; questo fino all’Anime EXPO del 3 Luglio, dove è stato rilasciato il primo vero assaggio di cosa ci aspetta, con uno splendido Sneak Peek. E devo dire che sono rimasto senza parole; vediamo di seguito tutte le informazioni sugli studi coinvolti e sulle puntate della serie (titoli, sinossi, ecc.)!

    Talento da ogni lato

    Scenario star wars visions
    Scenario dallo Sneak Peek

    Partiamo approfondendo i vari studi coinvolti, attraverso i loro lavori precedenti e più conosciuti. Studio Colorido e Genio sono entrambi sottogruppi della Twin Engine, i produttori di Vinland Saga.
    Kinema Citrus è lo studio dietro The Risining of the Shield Hero, Barakamon e l’apprezzatissimo Made in Abyss.
    Science Saru sono i produttori di Devilman Crybaby e Japan Sinks.
    Studio Trigger è l’erede della leggendaria Gainax e ha prodotto Kill La Kill, SSSS. Grindman, Promare e Cyberpunk Edgerunners.
    Kamikaze Douga è il team dietro le opening delle Bizzarre Avventure di JoJo da Parte 1 fino a Parte 3 e di numerosi corti, pionieri nella fusione tra animazione 2D e 3D.
    Ed ultimo, ma non certo per importanza,
    Production I.G è lo studio dietro i film di Ghost in the Shell, la serie Paltabor, Psycho-Pass; collaborarono con Gainax per End of Evangelion e con Studio Wit per Attack on Titan e si occuparono addirittura della sequenza animata di Kill Bill di Tarantino.

    Sith
    Un guerriero molto particolare

    Insomma, nomi di un certo rilievo! E le idee dietro questo progetto, assieme ai vari concept che hanno mostrato e alle sinossi di queste storie, sono ancor più intriganti. Vediamole di seguito.

    E’ Canon o no?

    Prima di parlare dei cortometraggi, analizziamo la questione della loro canonicità. Stando al produttore esecutivo James Waugh, Star Wars Visions sarà una serie antologica: ogni puntata narrerà una storia contenuta nella runtime dell’episodio, e non sarà quindi una serie come The Mandalorian o The Bad Batch.

    I Gemelli
    Uno scontro piuttosto intenso

    Inoltre ha aggiunto che queste storie non sono state scritte con l’idea di farle entrare nella main timeline, per dare agli autori massima libertà creativa e permettergli di esprimere il loro talento al massimo.

    Giardino
    Un giardino zen

    Questo però non esclude che alcuni lavori possano rientrare nella continuity canonica (basti vedere che un romanzo intitolato Star Wars Visons: Ronin è in lavorazione da Del Rey). Probabilmente, tutto quello che nelle storie non “cozzerà” col canone potrà essere ritenuto parte di esso.

    Visions inoltre è stata pensata come punto d’ingresso per i fan di Star Wars nel mondo dello storytelling dell’animazione nipponica,
    con storie che spazieranno vari generi, ognuno con un distinto stile d’animazione. Questo in modo da dare ad ogni corto la propria identità. Andiamo ora a vedere nel dettaglio i vari lavori e di che cosa parlano!

    Titoli e Sinossi

    Cast
    I personaggi de “Il duello”

    Iniziamo con “Il Duello“, presentato da Kamikaze Dogua. Il direttore Takanobu Mizuno propone una totale fusione dell’Iconografia di Star Wars con la cultura giapponese in quello che ha definito “una lettera d’amore a Star Wars” in una storia la cui tematica è l’altruismo (un tema centrale della Saga).

    Troopers rappresentati in questo stile

    Inoltre l’intera storia sarà narrata in bianco e nero con l’eccezione di alcuni elementi, come le spade laser!

    Samurai
    Un Samurai con una spada laser
    Segue poi “Lop e Ochō” di Studio Geno

    Una storia incentrata sulla collisione tra la natura e l’invasione dell’Industrializzazione rappresentata dall’Impero.

    Anime
    Still da “Lop e Ochō”

    Inoltre questo corto ci presenterà Lop, un personaggio devoto alla sua famiglia e al bene, che è anche la prima space bunny di Star Wars.

    Lop
    Lop ed il suo droide, semplicemente adorabili

    Studio Colorido porterà una Rock Opera nel loro “Tatooine Rhapsody“.
    Narrato nello stile Chibi, seguiremo questa emergente band su Tatooine in una storia di famiglia e sui propri sogni.

    rock
    La rock band di Tatooine, saranno all’altezza dei Figrin D’an e i Nodi Modali?

    Inoltre è uno dei pochi corti nei quali avremo modo di vedere personaggi noti quali Boba Fett e Jabba the Hutt (e chissà, magari dato il tema anche i Cantina Band!).

    Boba Fett
    Boba Fett alla carica

    Passiamo a Trigger che presenta ben due lavori ovvero “I Gemelli” e “L’Anziano“.

    Scontro
    I Gemelli si scontrano

    Il primo è un ribaltamento dei personaggi di Luke e Leia con due nuovi gemelli del Lato Oscuro, in una storia in cui vedremo quanto il fratello sia disposto a rischiare pur di salvare la sorella.

    Spada laser
    Sempre un piacere vedere vari tipi di spade laser

    Ciò viene rappresentato anche dal particolare doppio Star Destroyer unito, altra novità assoluta.

    Star Destroyer
    Nave molto particolare

    L’Anziano invece è un omaggio ad uno dei più classici rapporti di Star Wars, quello tra un Maestro ed il suo Padawan.

    Jedi e Padawan
    Maestro ed Apprendista, i loro legami hanno forgiato la galassia

    Il direttore della puntata, Masahiko Otsuka (uno dei fondatori di Studio Trigger), ha anche parlato di come affronteranno un nemico sconosciuto e che il titolo ha una valenza doppia.

    star wars visions special look
    Un duello molto intenso

    Altri corti

    La Moglie del Villaggio” di Kinema Citrus narrerà la storia di un Jedi in esilio che osserva una tradizione locale in un villaggio lontano attraverso gli occhi di una sposa alla vigilia del suo matrimonio. Inoltre parlerà di una scelta inaspettata che deve fare per salvare il suo popolo.

    Scenario
    Uno scenario incredibile

    Kanako Shirasaki, produttore esecutivo della serie, ha aggiunto che
    questo corto si avvicina anche alla Forza in un modo davvero unico e sorprendente.

    I due corti di Science Saru, “Akakiri” e “T0-B1“, condividono uno stile cartoonesco ma differiranno molto nel tono.

    Akakiri” parlerà di una storia dolce e allo stesso dolorosa riguardo una principessa.

    Science Saru al lavoro su Akakiri

    TB-01” (carino il gioco di lettere) invece sarà molto più allegro e seguirà i sogni di un adorabile droide (inspirato ad Astro-Boy) di diventare un Jedi.

    Droide
    Quanto è carino

    Il fondatore di Science Saru, Eunyoung Choi, ha parlato a lungo dell’influenza di Star Wars nei suoi lavori.
    È interessante vedere la nostra presa sul classico [Akira] Kurosawa fuso con la mitologia di Star Wars,
    prendendo poi la nostra visione di Science Saru e mettendo tutto in questo mix. E’ stato davvero fantastico
    “.

    Studi sul design di TB-01


    Egli inoltre ha rivelato che il sound design per questi due corti sarà curato proprio da Nariaki Saegusa dalla serie classica degli anni 80.

    Per finire Production I.G presenta “Il Nono Jedi”
    Alcuni dei personaggi de “Il Nono Jedi”

    Esso nasce come due corti separati.
    Uno doveva essere ambientato in un periodo in cui i Jedi sono caduti nella leggenda e devono tornare per affrontare l’oscurità minaccia la galassia,
    con la figlia di un fabbro di spade laser che cerca i Jedi per consegnare loro le armi.

    Jedi
    La figlia del fabbro di spade laser

    L’altra storia doveva essere raccontata dal punto di vista di otto guerrieri che si riuniscono, scoprendo se sono davvero sensibili alla Forza e se possono fidarsi gli uni degli altri. Alla fine, si è deciso di combinare le storie per ottenere qualcosa di più grande.

    Tempio
    Che sia un Tempio?

    Inoltre, mentre tutti i corti hanno musiche originali, c’è qualcosa di speciale nella musica de “Il Nono Jedi”.
    La colonna sonora è stata registrata alla Muza Kawasaki Symphony Hall, un luogo moderno e acclamato simile al Barbican Centre di Londra.

    Alla luce di queste informazioni, qual è il corto che aspettate di più? Ditecelo come sempre nei commenti! Vi ricordiamo che la serie verrà rilasciata su Disney Plus il prossimo 22 Settembre. Continuate a seguirci, anche su FacebookYouTubeInstagram TwitterVi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    ULTIMI ARTICOLI

    Leslye Headland parla della sua serie di Star Wars

    Pochi mesi fa abbiamo scoperto che la sceneggiatrice Leslye...

    Una raccolta di storie inedite per celebrare i 40 anni di SW

    Lo sappiamo, quello di Star Wars è un universo...

    Il mistero dell’antico Ordine dei Whills

    Nonostante le centinaia di opere canoniche e legends di...