Se in questo momento esistesse un premio per il personaggio di Star Wars con più teorie al riguardo sulle spalle, questo sarebbe vinto sicuramente da Snoke. Il Supremo Leader del Primo Ordine, infatti,  non è certo nuovo a speculazioni circa la sua identità o la sua origine. Alcune teorie sono interessanti e supportate da fonti, altre meno. Sulla reale identità del personaggio abbiamo già parlato in un altro articolo, mettendo a confronto varie ipotesi.

Oggi, invece, vogliamo introdurre una nuova teoria riguardante la provenienza del Supremo Leader. Supponendo, a monte, che egli sia un personaggio del tutto nuovo nell’epopea starwarsiana. Attenzione, nell’articolo saranno presenti spoiler minori dei libri della serie Aftermath.

Un’oscurità lontana lontana

rapporto tra vader e tarkin
Darth Vader parla con Darth Sidious.
Fonte: wookieepedia

Palpatine, come ogni sith che si rispetti, era ossessionato dal potere, ma anche dalla comprensione della più minima sfaccettatura della Forza. Una conoscenza completa, tale da donargli i segreti più reconditi della vita e della morte. Uno dei consiglieri dell’Imperatore affermò che Palpatine aveva costruito delle stazioni di comunicazione e laboratori nell’orlo esterno, per ricercare quella che egli chiamava la “Fonte del Lato Oscuro”. Secondo Palpatine, infatti, esisteva un luogo fisico dove il lato oscuro della Forza aveva origine e si spargeva per tutta la galassia. Ovviamente, questa sorgente si doveva trovare in una regione remota della stessa, o addirittura al di fuori. Per anni, Palpatine ha speso soldi, risorse, droidi, uomini e navi nella ricerca di una rotta verso questa nuova entità fisica.

Su Jakku si trovava proprio una di queste infrastrutture. Prima della battaglia di Endor, l’Imperatore era finalmente riuscito a stabilire una rotta sicura verso questa regione ignota, grazie anche agli sforzi del Grand’Ammiraglio Thrawn. La spedizione era quasi pronta, e anche Darth Sidious avrebbe dovuto farne parte, ma morì prima che questa potesse iniziare. Oppure no? E se questa spedizione fosse in realtà partita senza Palpatine, o dopo la morte dello stesso?

Interessi Malvagi

Illustrazione di Snoke con dettaglio di vestito dorato.
Da: The art of Star Wars: The Force Awakens

Qui ci colleghiamo al Supremo Leader Snoke. Egli potrebbe essere infatti il frutto di questa spedizione al di là dei confini sconosciuti della galassia lontana lontana. Gli scagnozzi di Palpatine infatti potrebbero aver raggiunto la fonte e risvegliato l’entità, ovvero Snoke. Che, per un motivo a noi sconosciuto, ha cominciato ad interessarsi alla galassia dove Star Wars è ambientato. Ovviamente questa teoria non ha molti riscontri oggettivi. Ad esempio, ci è stato detto che Snoke ha assistito all’ascesa e alla caduta dell’Impero Galattico. Questo elemento, ovviamente, andrebbe a collidere con la teoria esaminata.

Essa, comunque, rimane una spiegazione potenzialmente plausibile del perché qualcuno dell’importanza di Snoke sia rimasto celato per tutto questo tempo alla galassia. Inoltre, questa teoria porta in auge un classico topic della fantascienza, l’esplorazione dell’ignoto e la scoperta di cose al di là della comprensione umana. Qualcosa di questo tipo lo si è visto nelle bellissime puntate di The Clone Wars dedicate a Mortis. Snoke sicuramente continuerà a far parlare ancora a lungo di sé. Noi, comunque, non possiamo far altro che aspettare The Last Jedi a Dicembre, per capirci qualcosa di più sulla sua reale identità.