More

    Shadow of the Sith: ecco la Cover Art ed un estratto incredibile del romanzo!

    -

    Uno dei romanzi di Star Wars più attesi del 2022 è senza dubbio Shadow of the Sith di Adam Christopher, che vede Luke e Lando sulle tracce dei Sith ed il loro occulto pianeta Exegol negli anni che precedono gli eventi della trilogia sequel.

    Sul Sito ufficiale di Star Wars è stata rilasciata una fantastica cover art per il romanzo assieme ad un estratto che a nostro avviso ha dell’incredibile (abbiamo cercato di tradurlo al meglio). Trovate tutti i dettagli di seguito!

    Cover art ed estratto di Shadow of the Sith

    Luke and Lando on the cover of Star Wars: Shadow of the Sith.
    La copertina del romanzo

    ATTENZIONE SPOILER

    Ci fu un botto, più simile ad un tuono, e tutto divenne nero. La brezza calò, l’aria ferma e calda. Luke prese un respiro e poté sentire il sapore della polvere secca sulla lingua, e poi si rese conto che non era più seduto sulla pietra. Tython non c’era più.

    Guardò giù. Ora era in piedi sulla terra nera, dura, screpolata, ricoperta di polvere che vorticava in vortici intorno ai suoi stivali.

    Guardò in alto. Il mondo era nero e secco, il cielo scuro e pieno di nuvole nere e vorticose, illuminato da continui lampi che si conficcavano direttamente nel terreno. Se fosse giorno o notte, Luke non poteva dirlo: il posto era chiaro e scuro allo stesso tempo, la vasta e piatta pianura di pietra nera illuminata uniformemente da un sole che non c’era.

    Luke prese un altro respiro, il sapore sempre più forte nella sua bocca. Già gli occhi gli si stavano asciugando, l’atmosfera, il terreno, l’intero luogo così vecchio, così secco.

    Sapeva immediatamente dove si trovava. Era stato qui molte volte negli ultimi tempi, questo paesaggio da incubo delle sue visioni.

    Solo ora ne conosceva il nome.

    Questo era Exegol, il mondo nascosto dei Sith di cui si sussurrava solo nei testi antichi. Un luogo raggiungibile solo con un Puntatore Sith.

    E… con la meditazione? Luke fece un passo avanti, trovando il terreno solido e decisamente reale sotto i suoi piedi. Percorse un piccolo e lento cerchio, con gli occhi all’orizzonte. Un lampo illuminò la parte più lontana della pianura, rivelandola priva di caratteristiche e morta.

    Lo stesso posto delle sue visioni, sì, ma questo sembrava… diverso.

    Sembrava reale.

    Poteva essere stato trasportato? Luke si accigliò, la sua mente correva insieme al suo cuore. È vero, non conosceva l’intera portata dei poteri della pietra del vedere. Aveva fatto ricerche sul posto per anni, ma non aveva mai usato la pietra per il suo antico scopo, comunicare direttamente con la Forza. Sapeva lui stesso che potente Jedi era diventato, quale potenziale non sfruttato aveva ancora dentro di sé nonostante – o forse proprio grazie a – gli anni di addestramento auto-didatta e senza Maestro.

    Ce l’aveva fatta? Aveva l’holocron, o quello che ne era rimasto, e i cristalli kyber. Era rimasto abbastanza del nucleo dati dell’holocron affichè la pietra del vedere fosse in grado di leggerlo, in qualche modo, portandolo dove il proprietario originale non era riuscito ad arrivare, tutti quei secoli fa? E i cristalli kyber? Risuonavano con la Forza, le loro stesse strutture in una naturale, simpatica vibrazione con essa. Erano loro il catalizzatore che rendeva possibile il viaggio? Era quello che aveva tentato il pilota originale, combinando due forme molto diverse di potere Sith per superare la mancanza di un vero e proprio indicatore di percorso?

    Fu allora che una domanda molto più importante entrò nella testa di Luke.

    Poteva tornare su Tython?

    Poi si girò, abbassandosi istintivamente quando qualcosa sfiorò il cappuccio della sua veste, abbastanza forte da spostare il pesante tessuto sulla sua spalla. Non c’era nessuno dietro di lui. Girò di nuovo il cerchio. Era solo sulla pianura, l’aria perfettamente immobile, il caustico sapore acido che gli cresceva sempre più forte in bocca.

    Di nuovo. Qualcosa lo sfiorò, questa volta con un netto fruscio dell’aria secca e il suono dei piedi di qualcuno che raschiavano il terreno duro. Luke si scansò di nuovo, spostandosi di qualche metro dalla sua posizione originale. Guardando in basso vide le sue impronte nella polvere: era appena un’impronta, ma abbastanza per vedere le proprie tracce.

    E le tracce di qualcun altro, o qualcosa. Due grandi archi, non orme ma i segni di qualcosa che veniva trascinato sul terreno, ai lati opposti di dove Luke era appena stato.

    Alzò lo sguardo, girandosi lentamente per vedere tutto intorno a lui. Non c’era nessun posto dove nascondersi, nessuna roccia, nessun edificio, niente. Luke poteva vedere dall’orizzonte all’orizzonte vuoto.

    Un lampo lampeggiò e poi lo vide, solo per un istante, mentre veniva illuminato dalla tempesta elettrica. Una figura, a una discreta distanza, forse un centinaio di metri. E poi era sparita, prima che Luke potesse registrare qualsiasi caratteristica o forma.

    “C’è qualcuno?” chiamò, sentendosi leggermente stupido. Provò di nuovo. “Chi è là?”

    Di nuovo il suono, più forte ora, e sentì qualcosa spingere fisicamente la sua schiena. Seguì il movimento per tenersi in piedi, avanzò di più, poi si girò, con la mano che sfilava la spada laser dalla cintura e la presentava in un unico movimento fluido e regolare. Si fermò, i piedi divaricati, il peso basso, la posizione difensiva che per lui era istintiva, automatica, come respirare.

    Luke era circondato. Erano alti, magri. Nove di loro. Nient’altro che spettri. Niente più che ombre. Fantasmi alti e sottili, i loro corpi curvi e arcuati in un nuovo vento che si era alzato, un vento che soffiava sulla pianura nera, cambiando continuamente direzione.

    Luke aggiustò la presa sulla spada laser e premette il pulsante di attivazione. Con un fruscio bruciante, la lama verde si accese, illuminando un ampio cerchio intorno a Luke e agli spettri, illuminando la polvere di cenere che vorticava nell’aria come un’aureola.

    Luke si fece forza. Perché questi non erano fantasmi, ombre o spettri. Erano molto reali. A ogni lampo nel cielo scuro sovrastante, gli spettri si illuminavano come figure solide e tridimensionali, vestite di nero e con la faccia fasciata.

    Era disorientante. Luke strinse gli occhi mentre si concentrava, i nemici che lo circondavano lampeggiavano tra ombre traslucide e figure umanoidi solide.

    Poi cominciarono a circondarlo. Mantenevano la stessa distanza da Luke, e l’uno dall’altro, mentre si muovevano, tenendo tutti la fronte rivolta verso l’intruso nel loro mondo. Luke, in equilibrio sulle palle dei piedi, con le dita che si aggiustavano, si riaggiustavano sull’impugnatura della spada laser, era pronto per l’attacco che sapeva stava arrivando, mentre la sua mente correva.

    Come sono arrivato qui… e come faccio a tornare indietro?

    E poi gli spettri, muovendosi all’unisono come se una comunicazione invisibile e inascoltata fosse passata tra di loro, allungarono le mani nelle vesti che in un istante erano vortici di cenere e nel successivo lampo un pesante tessuto nero intrecciato, e tirarono fuori le loro spade laser.

    Luke, con i suoi anni di esperienza, anni in cui aveva imparato a dominare le sue emozioni e a controllare le sue azioni, non permise che la vista di queste nove armi lo sorprendesse. Perché… certo che avevano spade laser. Era su Exegol, il mondo dei Sith, il cuore dell’oscurità. Aveva osato vedere il pianeta con la Forza, e ora si trovava qui, nella realtà fisica, di fronte a nove incarnazioni del lato oscuro che chiaramente volevano che la loro esistenza rimanesse nascosta.

    Gli spettri sollevarono le loro spade laser e le attivarono. Luke non sentì la loro accensione, ma la sentì dentro di sé, il suono familiare in qualche modo acuto e distante, un ricordo semi-dimenticato piuttosto che un’effettiva sensazione fisica. Gli spettri sollevarono le loro lame, pronti a incontrare quelle di Luke, ma non erano niente, semplici sagome nere contro le figure nere in piedi sul terreno nero sotto un cielo nero. Ma quando il fulmine lampeggiò, le nove lame si invertirono, un lampo negativo di bianco che fece danzare delle macchie negli occhi di Luke. Abbagliato, il controllo di Luke scivolò solo per un momento, e fece un involontario mezzo passo indietro.

    Era quello che gli spettri stavano aspettando. Si precipitarono su di lui in silenzio, le loro vesti di ombra-cenere si disintegrarono nel vento mentre si muovevano, i loro interi corpi divennero inconsistenti, materia particellare che si disperdeva nella brezza. E poi il lampo lampeggiò e Luke fu circondato da nove figure molto reali, molto solide, vestite di nero, che brandivano spade laser di luce accecante.

    Spinto dall’istinto, guidato dalla sua connessione con la Forza, Luke parò i primi colpi, la sua spada laser si collegò a quelle dei suoi nemici con un familiare schizzo ad alta energia. Ma con il lampo che lampeggiava insieme alle nove lame bianco-nere dei suoi nemici, Luke scoprì ben presto che stava, effettivamente, combattendo alla cieca, la sua visione non era altro che macchie viola e sbavature rosse.

    Ma Luke Skywalker non si fece prendere dal panico, non ebbe paura. Deviando un altro attacco, Luke chiuse gli occhi e lasciò uscire un respiro. Non aveva bisogno degli occhi per vedere i suoi nemici. Tutto quello che doveva fare era guardare dentro di sé, sentire la Forza scorrere attraverso di lui, sentire la sua connessione con se stesso, con la galassia e con tutti gli esseri che vivevano al suo interno.

    Io sono uno con la Forza, e la Forza è con me.

    L’attacco successivo fu parato alla perfezione; la risposta di Luke fu anch’essa un esempio da manuale della forma Jedi.

    Ma poi la sua lama passò attraverso… niente.

    Luke non aprì gli occhi, si limitò a chinare la testa, girando sul posto per contrastare gli attacchi provenienti dall’altra parte mentre si concentrava, cercando di entrare in uno stato quasi meditativo per poter sferrare un attacco piuttosto che lasciare che la Forza lo guidasse semplicemente attraverso una difesa passiva e automatica.

    E poi vacillò. Un’espressione accigliata gli attraversò il viso, mentre allungava la mano con la Forza e…

    Non c’era niente. Nessuna connessione. Nessuna sensazione. Era come se fosse ancora su Tython, sulla pietra vedente, al centro di una vergenza dove la Forza si coagulava intorno a lui ma non dentro di lui.

    Gli esseri intorno a lui, nove spettri d’ombra con lame di luce e di buio, non esistevano nella Forza: non avevano presenza, non avevano forma.

    Questo era impossibile.

    La Forza collegava tutta la vita nella galassia, ma circondava e penetrava anche l’inanimato. Gli oggetti – rocce, pianeti, astronavi, droidi, tutto – avevano una presenza nella Forza, o meglio, un’assenza che poteva essere sentita come se fossero essi stessi esseri viventi.

    Ma gli spettri non erano niente. Luke non riusciva affatto a percepirli con la Forza.

    Si voltò a sinistra e poi a destra, con la spada laser che oscillava in alto, poi in basso, poi fuori, parando altri tre colpi. Ma accecato e incapace di percepire i suoi avversari, non era in grado di attaccare. Tanto valeva che si limitasse a colpire a caso l’aria intorno a lui.

    Cosa che fece. Aprì gli occhi, strizzando gli occhi contro i lampi di luce e i colpi brucianti delle lame degli spettri, la sua spada laser verde era l’unica cosa che gli era familiare, l’unico colore nel suo incubo.

    Ma quella fedele spada laser non poteva fare nulla contro gli spettri. Bloccò un colpo – i suoi occhi e il suo cervello cominciarono ad adattarsi, molto leggermente, al mondo disorientante che lo circondava – e poi entrò con un attacco, alto e poi basso, evitando completamente la lama del suo avversario. Ma la sua spada laser attraversò lo spettro, trascinandosi dietro una scia di cenere, illuminata dal verde incandescente della spada laser di Luke.

    Lo spettro non sembrò nemmeno accorgersene. Portò la sua lama in alto e Luke parò, parò ancora, si abbassò di lato e parò un colpo dal suo lato sinistro, ruotò la spada laser a destra per contrastarne un altro, poi incise una serie di attacchi angolati che avrebbero dovuto ridurre a nastri i tre avversari davanti a lui.

    La sua lama non incontrò alcuna resistenza, anzi, lo spettro direttamente di fronte a lui si avventò sul suo attacco, apparentemente ignaro o indifferente alla posizione della lama di Luke.

    Luke non smise di muoversi. Schivò la lama d’ombra dello spettro anche mentre passava attraverso l’essere stesso, la nuvola di cenere e polvere densa intorno al suo viso, ricoprendo la sua pelle, la sua lingua, riempiendogli la bocca con il sapore del metallo caldo. Ora dietro il gruppo, si voltò e sferrò un nuovo attacco alle loro spalle, facendo oscillare la sua spada laser a sinistra, a destra e di nuovo a sinistra, bloccando la spinta di una lama d’ombra mentre uno spettro si girava in un turbine di fumo nero e portava la sua arma in avanti. Ancora una volta, la spada laser incontrò la spada laser, la luce verde incontrò la lama d’ombra, e Luke poté sentire la scossa attraverso l’elsa della propria arma, poté vedere l’effervescenza di energia mentre la sua lama scivolava lungo la lunghezza di quella del suo nemico, prima che lo spettro si allontanasse in una direzione e Luke nell’altra, entrambi poi si voltarono per tagliare in un angolo acuto. La lama incontrò di nuovo la lama, questa volta con un botto di plasma sputato, come se gli spettri si stessero prendendo gioco di lui, un momento le loro armi erano reali, l’altro un’imitazione in ombra della realtà.

    Percependo questo cambiamento, il prossimo colpo di Luke fu abbastanza potente da far cadere l’altra lama, e lui rispose rapidamente, dritto al collo e al torso dell’apparizione.

    Ancora una volta, la sua lama non incontrò nulla. La forma-ombra si separò come fumo, anche se il fulmine lampeggiò di nuovo e l’essere divenne solido come il corpo di Luke.

    Luke colpì ancora, e ancora, e ancora, spazzando ora con la sua lama senza alcun intento o progetto particolare se non quello di tenere i nove spettri a distanza, la sua attenzione ora non è più rivolta alla lotta ma a trovare una via d’uscita.

    Gli spettri incalzarono il loro attacco, mentre la lama di Luke li attraversava innocuamente. Mentre si avvicinavano sempre di più, alzarono di nuovo le loro spade laser, agendo insieme in unione telepatica, pronti a sferrare il loro colpo finale.

    Nove lame contro una. A Luke non piacevano le probabilità, ma si fece comunque coraggio.

    Gli spettri attaccarono, nove lame d’ombra sorrette da braccia d’ombra che tagliavano a velocità…

    E fu allora che apparve una nuova luce. Non il lampo bianco del fulmine, né le lame degli Spettri illuminate dalla luce empia. Non il bagliore verde della spada laser di Luke, che illuminava il terreno cinereo come una torcia verde.

    No, questa luce era blu pallido. Brillava nell’aria, strisciava un po’ e poi si abbassava, sbalzando gli aggressori in un unico movimento fluido.

    Era una spada laser, la lama blu e forte, l’elsa…

    L’elsa era trasparente, nient’altro che un bagliore blu, tenuta in una mano blu trasparente.

    Luke cadde all’indietro, sui gomiti, e rantolò per il dolore alle articolazioni e anche per la pura sorpresa di fronte alla vista davanti a lui.

    Tra lui e gli spettri c’era un’altra figura: un uomo in fluenti vesti pallide, di spalle a Luke, con la testa nascosta sotto un voluminoso cappuccio. L’intera figura brillava come una tenue elettricità, luminosa in quel mondo di notte senza fine. Quando il lampo lampeggiava, Luke poteva vedere i nove solidi spettri attraverso la forma dell’uomo che si frapponeva tra loro e la loro preda.

    La mente di Luke correva mentre cercava di identificare lo spirito della Forza che era arrivato per proteggerlo.

    “Ben?”

    No, non era Ben… la veste, la forma dell’uomo, era…

    L’essere spettrale sollevò la spada laser, tenendola alta sopra la testa, la lama parallela al terreno.

    Per la prima volta, gli spettri sembrarono prendere atto del loro nemico. Indietreggiarono, nove forme rannicchiate insieme, le lame abbassate. Urlavano dai loro volti vuoti e bendati, anche se Luke non era sicuro se fosse un suono reale o solo un’eco nella sua testa. Era difficile concentrarsi su ciò che stava vedendo, il modo in cui la Forza riverberava intorno alla figura in blu. Tutta la sua visione sembrava piegarsi intorno a lui.

    Gli spettri continuarono a indietreggiare, e poi svanirono, le loro forme d’ombra evaporarono in polvere che filò via sull’ultimo mulinello del vento morente.

    Per un momento, tutto rimase immobile.

    Poi la figura blu si voltò, con la spada laser spenta.

    Luke si spinse sui gomiti. Sbatté le palpebre.

    Non poteva essere.

    Non poteva essere.

    La figura blu sollevò il cappuccio per rivelare il volto forte e affilato di un giovane uomo, lo sguardo intenso sotto una fronte solcata da una cicatrice dritta e verticale. I suoi folti capelli erano lunghi fino alle spalle e avevano una leggera onda.

    Anakin Skywalker allungò la mano.

    Luke la prese e tutto divenne bianco.

    Cosa ne pensate di questo estratto pazzesco? Ditecelo come sempre nei commenti! Continuate a seguirci, anche su FacebookYouTubeInstagram TwitterVi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    ULTIMI ARTICOLI

    The Mandalorian: tutti gli easter egg della quinta puntata!

    Iniziata meno di un mese fa, la serie live...

    The Mandalorian: in sviluppo un videogioco della serie?

    Questa settimana i rumor in campo videoludico sembrano non...

    The Book of Boba Fett: Ming-Na Wen svela un promo della serie!

    Il prossimo 29 Dicembre debutterà su Disney Plus The...