More

    Nuove rivelazioni su Rey bambina e il passato dei suoi genitori!

    -

    Di recente è stato pubblicato un nuovo estratto del romanzo canonico Shadow of the Sith, che uscirà negli USA il prossimo 28 Giugno e parlerà principalmente di una missione di Luke Skywalker nel 21 ABY, 13 anni prima di Episodio VII. Tramite il suddetto estratto abbiamo scoperto che ci sarà spazio anche per Rey e i suoi genitori, dei quali ci vengono rivelati i nomi e anche molte informazioni sul passato. Vediamo di seguito l’estratto!

    L’estratto di Shadow of the Sith

    Ecco il bellissimo estratto del romanzo:

    “All’inizio non c’era altro che spazio vuoto. Poi è apparsa la nave, massa, forma e struttura. Da qui a lì, attraversando sconfinati abissi di spazio, era facile come tirare una leva. Era quasi magico nella sua semplicità.

    Proprio in quel momento, però, il surriscaldamento del navicomputer dell’astronave si impose di non essere d’accordo.

    Per un attimo, la vecchia nave da carico malconcia fluttuò, sospesa nello spazio, come un orso garu che esce da un lungo letargo e fa il punto della situazione.

    Poi la nave ebbe un sussulto e cominciò a sbandare a babordo, inanellando una lunga e lenta spirale che fu improvvisamente accelerata dal cedimento dello stabilizzatore d’impulso di poppa in una pioggia di scintille bianche. La prua della nave si abbassò ancora di più, il motore di dritta ora strombazzava, una piastra di copertura allentata rivelava un pericoloso bagliore rosso da sotto.

    Per il pilota e i suoi due passeggeri, la situazione era appena andata di male in peggio.

    Due giorni. Era tutto quello che erano riusciti a fare. Due giorni da Jakku, zoppicando su una nave che non avrebbe dovuto volare, ma che era l’unico rottame che erano riusciti a recuperare dal deposito di rottami di Unkar Plutt fuori dall’avamposto di Niima. E non sembrava che sarebbero andati molto lontano.

    Solo poche ore prima avevano osato pensare che forse… ce l’avevano fatta? Erano usciti dalla loro casa, il loro droide domestico multiuso, costruito a mano con altri rottami e recuperi, si era sacrificato mentre portava i cacciatori fuori strada. Poi trovarono la nave (a dire il vero, l’avevano destinata da tempo a un giorno simile, un giorno che speravano non arrivasse mai). La vararono, solo loro, una borsa di giocattoli e libri e una manciata di crediti, i vestiti che avevano addosso. Puntarono il navicomputer su un vettore che li avrebbe portati fuori portata (così speravano). E si allacciarono le cinture per il viaggio.

    Ma ora? La nave era sopravvissuta a malapena al viaggio iniziale. La fuga nello Spazio Selvaggio era stata una mossa disperata, ma era ben lontana dall’obiettivo finale. Dovevano potersi nascondere, solo per un po’, per prendersi il tempo di fare un piano e tracciare una rotta.

    Queste opzioni sembravano ora decisamente più limitate mentre galleggiavano alla deriva. Erano fuggiti da Jakku, solo per… cosa? Morire nelle fredde lande dello spazio, la vecchia nave da carico ormai non era altro che una tomba per loro tre, persa per sempre ai margini della galassia, il loro passaggio non pianto, i loro nomi non ricordati.

    Dathan, Miramir.

    Rey.

    L’interno del cargo era vecchio e malconcio come l’esterno: il ponte di volo era angusto e funzionale, il design antiquato richiedeva non solo pilota e copilota, ma anche il navigatore, il terzo posto in fondo alla cabina, rivolto lontano dagli oblò di prua. Per questo viaggio, avevano dovuto accontentarsi di un equipaggio di sole due persone.

    Il posto di pilotaggio era occupato da una giovane donna, con i lunghi capelli biondi raccolti con un elastico blu in tinta con il mantello, le maniche della tunica color crema arrotolate mentre si chinava sulla console di comando di fronte a lei, con una mano che stringeva il giogo poco collaborativo e l’altra che volava sui pulsanti e sugli interruttori mentre lottava per controllare la nave che tremava. La visuale di prua, vista attraverso l’angolato e pesantemente graffiato oblò di acciaio trasparente, mostrava il paesaggio stellare davanti a sé che scivolava in diagonale mentre la rotazione della nave da carico accelerava.

    Dietro di lei, un giovane uomo, con i capelli scuri corti e l’inizio della barba sulla mascella, era inginocchiato sul ponte dietro il sedile del navigatore. Le sue braccia erano avvolte intorno al sedile e al suo piccolo occupante, il bambino cullato in un nido imbottito formato da una coperta luminosa e multicolore, in netto contrasto con il grigiore e l’unto del ponte di volo.

    L’uomo si girò a guardare la moglie che lottava con i comandi, poi si alzò e si chinò a baciare la testa della bambina di sei anni legata saldamente al sedile, con un grosso paio di cuffie insonorizzanti da navigatore sulle orecchie. Davanti alla bambina, l’antico pannello di navigazione – una matrice quadrata di centinaia di piccole luci quadrate individuali – lampeggiava in schemi multicolori di forme in movimento, un semplice gioco che la madre della bambina aveva caricato nel computer ausiliario per tenere occupata la figlia durante il lungo viaggio.

    L’uomo guardò il tabellone, ma la bambina aveva smesso di giocare. Si spostò davanti alla sedia e vide che la bambina aveva gli occhi ben chiusi. Si chinò, abbracciando la figlia.

    “Ti tengo io”, sussurrò Dathan a Rey. “Stiamo bene. Ti tengo io”.

    Ci fu un botto; Dathan lo sentì, così come lo sentì, quando un’altra parte dei motori, sotto sforzo, cedette, e la piccola esplosione si riverberò nella nave. Una lacrima scese dagli occhi chiusi di Rey. Dathan la asciugò e chiuse i propri occhi, augurandosi che, per una volta, un po’ di fortuna arrivasse anche per loro.

    “Ok, ci siamo!” urlò Miramir, facendo seguire alla sua affermazione un urlo di trionfo. La nave sobbalzò una volta, poi il tremolio costante cessò. Attraverso gli oblò di prua, le stelle erano ora completamente immobili.

    Suo malgrado, nonostante la loro situazione, Dathan si ritrovò a sorridere. Non poteva farne a meno. Sua moglie era un genio e lui la amava. Non sapeva da chi avesse preso, ma aveva un talento naturale, come se fosse genetico. Sapeva pilotare qualsiasi cosa, era stata – ed era tuttora – un’ingegnere e un’inventrice autodidatta. Miramir la chiamava “armeggiare”, come se non fosse nulla, come se non si rendesse conto di quanto fosse speciale il suo talento. Negli anni in cui l’aveva conosciuta, Dathan aveva spesso chiesto da dove provenisse questo dono, ma Miramir si limitava a fare spallucce e a dire che sua nonna era una donna meravigliosa. Dathan sapeva che era vero: l’aveva incontrata diverse volte, prima che Miramir abbandonasse la sua vita nella foresta crepuscolare di Hyperkarn per viaggiare con Dathan. Ma allora… dove aveva imparato tutto sua nonna?

    Dathan voleva saperlo, ma col tempo aveva imparato a non chiedere oltre. A Miramir mancava la nonna. Le mancava la sua casa.

    Questo era un altro aspetto che Dathan aveva cercato di capire. Avere nostalgia di casa, sentire la mancanza di qualcosa a cui non si può più tornare, era qualcosa di sconosciuto per lui. Certo, poteva capirlo. E sì, sentiva qualcosa per i giorni trascorsi su Hyperkarn, o anche per gli anni trascorsi su Jakku, ma non era sicuro che fosse la stessa cosa. Nessuno di quei luoghi era stato una vera casa.

    Lui aveva una casa, un luogo da cui poteva legittimamente dire di provenire. Era un luogo che rivisitava spesso, nei sogni.

    Sogni… e incubi.

    “Questo resisterà per un po’”, disse Miramir, rilasciando la leva e raggiungendo una serie di pesanti interruttori nel pannello angolato sopra la postazione del pilota. “Ho reindirizzato l’energia di riserva nello stabilizzatore d’impulso di dritta e ho spinto l’angolo del campo ben oltre il punto sette, ma va bene perché…”.

    Si fermò quando Dathan si sedette sul sedile del copilota e la guardò con un sopracciglio alzato.

    “Non so cosa significhi tutto questo”, disse, “tranne che siamo al sicuro, giusto?”.

    Miramir si sedette, la sua forma esile era sovrastata dal sedile del pilota. Sorrise e annuì.

    Dathan sentì crescere il proprio sorriso. La felicità di Miramir, il suo sollievo, era contagioso. Forse, dopo tutto, ne sarebbero usciti.

    “Gli stabilizzatori reggeranno fino al ripristino dell’iperguida”, disse Miramir. “Il motivatore si surriscalda ogni volta che facciamo un salto, ma per il momento funziona ancora. Dovremmo essere a posto per un altro paio di salti”. Fece una pausa, poi si stropicciò il naso. “Ma dobbiamo trovare un’altra nave. Il che significa… . .” Fece un gesto verso i portelloni, verso il vuoto infinito che era lo Spazio Selvaggio.

    Dathan annuì. “Il che significa tornare nell’Orlo Esterno”.

    A quel punto, Miramir si sganciò dalle cinghie di sicurezza e si diresse verso Rey. Inginocchiandosi accanto al sedile del navigatore, sollevò delicatamente le cuffie dalla testa della figlia, poi sganciò le cinghie di sicurezza. Appena liberata, Rey scattò fuori dal sedile e si avventò sulla madre, cingendola con le braccia e le gambe, con la testa affondata nel suo petto. Rey era forse piccola per una bambina di sei anni, ma Miramir non badava al desiderio di vicinanza della figlia, sapendo che la bambina sarebbe cresciuta presto. Miramir si girò e sprofondò dolcemente nel sedile del navigatore, ancora cullando Rey, e spostò il sedile in modo da essere rivolta verso Dathan.

    “So che è pericoloso”, disse Miramir, “ma questa nave era nel rottame di Plutt per un motivo. Siamo riusciti a fare un solo salto in lungo e guardate cosa è successo. Ogni volta sarà peggio”.

    Dathan sospirò e fece un cenno alla moglie. “Non abbiamo scelta”, disse. “Lo so”.

    Miramir abbassò il viso sui capelli di Rey, seppellendo il naso nella treccia bruna, con gli occhi puntati sul pavimento.

    Dathan conosceva quello sguardo. L’aveva visto un sacco di volte negli ultimi due giorni. Gli faceva male vedere Miramir così. Sua moglie, il suo amore, la persona più intelligente, più bella e migliore che avesse mai conosciuto. Certamente la più capace, molto più brava di lui nella maggior parte delle cose, per quanto si sforzasse.

    E sapeva anche un’altra cosa.

    Era tutta colpa sua.

    Ma per questo ci sarebbe stato tempo dopo. In questo momento, non avevano più opzioni e solo una strada era aperta per loro.

    “Ehi”, disse Dathan. Ricostruì il sorriso sul suo volto.

    Miramir alzò lo sguardo ma non parlò.

    “Ehi, andiamo, adesso”, disse Dathan.

    Miramir lo guardò, con gli occhi grandi che cominciavano a lacrimare.

    “Mamma, ho fame”.

    Miramir abbassò lo sguardo su Rey e…

    Lei rise. Dathan sorrise, poi non riuscì a trattenersi dal partecipare.

    Rey si staccò dalle braccia della madre e si voltò a guardare il padre.

    “Siete degli sciocchi”, disse. E poi indicò il belvedere anteriore. “Chi è quello?”.

    Non appena la bambina ebbe parlato, suonò un allarme. Dathan azionò un interruttore per eliminarlo, poi si girò per guardare ciò che Rey aveva individuato. L’allarme ricominciò a suonare.

    “Che cos’è?” chiese Miramir.

    “Abbiamo compagnia”, disse Dathan, osservando che in lontananza tre stelle si muovevano e cominciavano a crescere di dimensioni.

    Tre navi che volavano in formazione.

    Venivano verso di loro.”

    Che ne pensate di questo ricchissimo estratto? Fatecelo sapere nei commenti! E continuate a seguirci, anche su FacebookYouTubeInstagram e Twitter! Vi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    Gaetano Vitulanohttps://insolenzadir2d2.it
    Studente di Giurisprudenza, cinefilo incallito, nel tempo libero promotore della sacra religione di Star Wars come founder de "L'Insolenza di R2-D2". Insolente quanto basta, cerco di incamerare la mia creatività nella scrittura, nell'oratoria, e soprattutto nell'arte della risata.

    ULTIMI ARTICOLI

    Star Wars, romanzi e fumetti: le prossime uscite Panini Comics del 2021!

    In occasione del debutto in Italia dell'Alta Repubblica, è...

    Obi-Wan Kenobi: analisi dettagliata del primo trailer della serie

    Finalmente, dopo tanta attesa, è stato rilasciato un primo...

    Rivelato il vero volto del Generale Grievous

    Il Generale Grievous è uno dei personaggi più amati...