Liam Neeson accusato di razzismo: ecco perché

Darth Vader: i primi spiragli di redenzione arrivano ascoltando le parole di Padmé

La redenzione di Anakin Skywalker è uno dei momenti topici di Episodio VI e dell'intera saga di Star Wars. Il sacrificio compiuto...

Tutto su Mon Cala, pianeta che potrebbe apparire in The Mandalorian 2

Finalmente è uscito il trailer di The Mandalorian 2 e nonostante non ci vengano rivelate molte informazioni, abbiamo degli spunti intriganti da...

The Mandalorian 2: vedremo il leggendario pianeta Ilum?

Da pochissimi giorni è finalmente uscito il primo trailer della seconda stagione di The Mandalorian. Purtroppo, non ci sono state le apparizioni...

Oggi vi parliamo di una vicenda che riguarda Star Wars in maniera “indiretta”, poiché ha come protagonista l’attore Liam Neeson, apprezzatissimo interprete di Qui-Gon Jinn ne La Minaccia Fantasma. Nel corso degli anni la sua interpretazione e il suo personaggio sono risultati, per i fan, tra gli elementi più apprezzati di Episodio I e della trilogia prequel in generale. Oggi purtroppo vi parliamo di quella che è una vicenda che ha portato l’attore nella bufera mediatica e alle accuse di razzismo, e che riguarda un racconto che lui stesso ha svelato di recente.

Il racconto di Liam Neeson

liam neeson accusato di razzismo
L’attore Liam Neeson,
Da: bbc

Di recente l’attore ha rilasciato un’intervista per l’Independent nella quale racconta un evento abbastanza forte del suo passato. Un evento che ha scatenato un vero e proprio putiferio mediatico. Neeson racconta di quando, anni fa, meditava vendetta dopo che una persona a lui cara subì una violenza sessuale. Queste le parole dell’attore: “Lei ha gestito la situazione dello stupro nel più straordinario dei modi, la mia immediata reazione fu…le chiesi se sapeva chi fosse. No. “Di che colore era?”. Lei rispose che era un nero. Mi vergogno di dirlo, ma per tipo una settimana, ho sperato che un “nero bastardo” si avvicinasse a me al pub e attaccasse briga per qualcosa. Così avrei potuto ucciderlo. Lei diceva, “Dove stai andando?”, e io rispondevo, “Esco solo a fare una passeggiata”.

L’incredibile racconto dell’attore ha suscitato un profondo sdegno mediatico, tant’è che molti lo hanno immediatamente accusato di essere razzista. A queste accuse l’attore ha risposto così: “Lei mi aveva detto che era stato un uomo di colore. Dopo quel fatto, ci sono state notti in cui andavo deliberatamente nelle zone black della città in modo che qualcuno mi mettesse in una situazione in cui potessi usare la violenza fisica. L’ho fatto 4 o 5 volte, poi mi sono ripreso. Ero sconvolto per questo bisogno primario che avevo. Mi ha sconvolto e mi ha ferito. Chiesi aiuto e andai da un prete… non sono razzista. È accaduto quasi 40 anni fa”. 

Le possibili conseguenze

star wars la minaccia fantasma episodio i qui-gon jinn midichlorian
Il maestro Qui-Gon parla ad Anakin in Episodio I

Come letto sopra, Liam Neeson ha subito tentato di porre un’argine alla questione, sottolineando quanto fosse pentito di quel gesto istintivo. Ribadendo di non essere razzista e che avrebbe avuto la stessa reazione anche se lo stupratore fosse stato bianco. Questo però non ha fermato la furia del web e dell’opinione pubblica. Ecco alcuni commenti in merito: “Spero davvero che non sia troppo tardi per cancellare digitalmente quel fottuto razzista di Liam Neeson dal nuovo Men in Black”; “Boicottate Men in Black, quel codardo di Liam Neeson ha raccontato che voleva uccidere un uomo nero innocente che non aveva nulla a che fare con le sue faccende personali, lui è un codardo, razzista e bigotto“; “Suppongo che la Sony ingaggerà presto Christopher Plummer per rimpiazzare Liam Neeson nell’imminente reboot di Men in Black”.

L’attore ha dovuto disdire inoltre tutte le sue imminenti ospitate in tv, più altri impegni simili. Nel frattempo la gente sembra chiedere per lui la gogna mediatica, portando avanti non solo il boicottaggio dello spin-off di Men in Black (previsto per Giugno), ma anche del suo prossimo film “Un uomo tranquillo”. Assisteremo quindi al crollo della carriera di un altro attore? Non lo sappiamo, ma di certo siamo consci di quanto l’opinione pubblica americana sia sensibile a queste vicende.

Voi come la pensate? Ritenete che il gesto dell’attore (che, lo ricordiamo, non ha fatto nulla di concreto) vada punito così pesantemente, oppure pensate che la reazione sia stata eccessiva, soprattutto dopo le sue scuse e i chiarimenti? Ciò che rimane è comunque il dispiacere per l’interprete di Qui-Gon Jinn, nonostante i pensieri abbastanza gravi che ha raccontato di aver avuto.

Fonte: Bestmovie

 

127,657FansLike
32,682FollowersFollow
539FollowersFollow

The Mandalorian 2: ecco finalmente il trailer!

Manca sempre meno ormai al prossimo 30 Ottobre, quando su Disney Plus approderà la seconda stagione di The Mandalorian, che si prospetta ricca di...

In sviluppo una serie su Mace Windu con Samuel L. Jackson

Non è un segreto che i piani di Lucasfilm per il prossimo futuro propendano più per la televisione che per il cinema....

The Mandalorian 2: vedremo il leggendario pianeta Ilum?

Da pochissimi giorni è finalmente uscito il primo trailer della seconda stagione di The Mandalorian. Purtroppo, non ci sono state le apparizioni...

Ecco come Darth Vader scopre il segreto nascosto nella tomba di Padmé

La visita di Darth Vader alla tomba di Padmé, che da anni i fan sognano tramite fanart e quant'altro, è finalmente canonica....
  1. Reazione davvero eccessiva anche perché stiamo parlando solo di pensieri Speriamo che possa vincere il buon senso!

  2. quando ho letto l’articolo mi sono chiesto come avesse potuto dirlo. Sopratutto in questo momento e in particolare a causa dell’internet che funge da amplificatore di odio. Mi dispiace tantissimo per il fatto che se fosse veramente qualcosa di cui essere colpevoli, avere sentimenti (provate a pensare ad una vostra amica che viene stuprata, ma anche al contesto di vita), allora sarebbero da boicottare più di metà degli attori di Hollywood. Sono passati 40 anni e non ha mai fatto male a nessuno, ricordiamo che è nato e ha vissuto per molti anni in Irlanda del Nord, è un attore di cui ho grande rispetto per una miriade di film a parte l’amato qui gon. Presidenti di Nazioni con reati di ogni genere e poi un attore è il capro espiatorio dell’odio mondiale per qualcosa che non ha neanche mai fatto. Mi dispiace

  3. Consiglio vivamente di guardare il breve filmato dell’intervista. è il pensiero di una persona razionale che dice di comprendere le emozioni umane, la voglia di vendetta, ma che è la cosa più sbagliata che possa esserci e non fa altro che calarti in una spirale di odio. Spero si risolva senza troppi danni per Neeson 🙁

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here