Conosciamo l’impatto culturale che la saga di Star Wars ha avuto sul mondo. Delle volte, questo impatto si palesa in modi davvero stravaganti, come quello che sto per raccontarvi. Se vi dicessi che esiste una religione, chiamata Jedismo, che si ispira ai dettami della Forza, mi credereste? No, non parlo di Padre Pio che somiglia a Obi-Wan Kenobi, ma di un vero e proprio movimento culturale, che per certi versi può essere considerato religioso.

Dopo la sua nascita, il Jedismo si è diffuso a macchia d’olio nel mondo. Pensate che sia uno scherzo? In effetti la storia di questa “religione” deriva da una vicenda molto particolare, vediamo di cosa si tratta!

La nascita del Jedismo

il jedismo religione e lato oscuro della Forza
Una delle citazioni più iconiche di Darth Vader

Il Jedismo è un movimento nato spontaneamente in varie parti del mondo; la sua storia è molto particolare: esso infatti nasce dalla crescente richiesta di poter inserire, all’interno degli abituali censimenti religiosi nazionali, anche una spunta alla religione Jedi o dei Cavalieri Jedi. Che la gente lo abbia fatto per scherzo, per protesta a censimenti di questo genere, o per fanatismo vero, dal 2001 il movimento religioso si è diffuso e ha preso piede in molti paesi. Esso trae la sua linfa vitale dagli insegnamenti Jedi, e ovviamente dalla Forza!

“La Forza è quella che dà al Jedi la possanza. È un campo energetico creato da tutte le cose viventi. Ci circonda, ci penetra, mantiene unita tutta la Galassia” Obi-Wan Kenobi

 

Gli adepti sono divisi in veri e propri gruppi, detti Ordini, che si dedicano alla cura del corpo e dello spirito, praticando la meditazione e le arti marziali. Essi auspicano una evoluzione che porti l’essere umano ad esprimere tutte le sue potenzialità. I vari Ordini possiedono addirittura dei livelli, quasi una gerarchia spirituale; alcuni di questi li conosciamo bene: si parte dall’essere iniziati, poi studenti, padawan, cavalieri e infine master.

“Rabbia, paura, violenza: sono loro il Lato Oscuro! Veloci ti raggiungono quando combatti! Se anche una sola volta la strada buia tu prendi, per sempre essa dominerà il tuo destino!” Maestro Yoda

Una delle cose più affascinanti di questo movimento è che, ovviamente, alcuni di questi Ordini hanno abbracciato anche il lato oscuro della Forza! Gli adepti del lato oscuro non amano però essere definiti Sith; essi si concentrano nello studio mentale e fisico di sentimenti forti come la rabbia, la paura e la violenza, per tentare di addomesticarli e controllarli.

Diffusione del Jedismo

religione della Forza jedismo censimento
Dati sul Jedismo nel censimento religioso in Gran Bretagna
fonte: Wikipedia

Il fenomeno del Jedismo, nato per scherzo o protesta, come detto, ha preso piede in molti stati. Numeri alla mano: nel censimento del 2001 in Australia più di 70.000 persone si sono dichiarate Jedi, scatenando un putiferio a livello mediatico, a cui seguirono anche dei comunicati stampa ufficiali da parte dell’ABS (Australian Bureau of Statistic); lo stesso avvenne nei censimenti religiosi di Irlanda, Canada, Croazia, Nuova Zelanda, ecc. La questione fu ancora più clamorosa in Inghilterra e Galles: 390.000 persone definirono la loro religione “Jedi” nel censimento del 2001, superando il Sikhismo, il Buddismo e l’Ebraismo, e arrivando a portare questo credo al quarto posto in tutto il paese.

Tentativo di riconoscimento

Qualche mese fa, gli adepti del Jedismo hanno tentato la via del riconoscimento come religione ufficiale. La Charity Commission del Regno Unito, chiamata ad esprimersi in merito, ha però ufficialmente dichiarato che il Jedismo non è una religione. La domanda di riconoscimento è stata presentata dal gruppo chiamato The Temple of the Jedi Order. Come detto, è stata respinta dalla commissione. Questa la motivazione del rifiuto:

OTJO è un’organizzazione interamente web-based (nata e cresciuta online) e la comunità Jedi opera prevalentemente, se non esclusivamente, online.

Anche se queste pubblicazioni sono prese in prestito dalle preghiere e testi delle religioni mondiali, nel contesto della TOTJO, la Commissione non ritiene che il Live Services operato sul sito web, i sermoni pubblicati e la promozione della meditazione evidenzi una relazione tra i seguaci della religione e gli dei, principi o cose legate al culto. […] In particolare, è significativo che il Jedismo può essere adottato come scelta di vita al contrario di una vera e propria religione.

Quindi, possiamo ancora ritenere il Jedismo come un movimento. C’è da dire che George Lucas si è sempre distanziato dai suoi dettami e si è dichiarato estraneo a questa estremizzazione religiosa; inoltre gli adepti del Jedismo non lo considerano un profeta, o una figura mistica per così dire. Comunque, nonostante la deriva scherzosa o fanatica di tutta la faccenda, dopo aver scoperto il Jedismo siamo ancora più consapevoli di quanto sia grande il potere della Forza!