More

    James Earl Jones non doppierà più Darth Vader

    -

    Ci sono molti elementi che hanno reso iconico il franchise di Star Wars, pilastri che da più di quarant’anni non smettono di emozionare i fan di tutte le età. Uno tra questi è sicuramente la voce di Darth Vader, doppiato da James Earl Jones. Come tutte le cose belle, purtroppo anche questo connubio però è finito: ma anche se l’attore non doppierà più il personaggio, la sua volontà è quella di continuare a far si che la sua voce riecheggi nella galassia lontana lontana. Ma in che modo? Vediamolo di seguito!

    La voce di Vader per l’eternità

    episodio v armatura di Darth Vader e segreto di io sono tuo padre in star wars
    Darth Vader in Episodio V

    Anche se molti non lo avranno notato, James Earl Jones non ha doppiato più Vader già da Obi-Wan Kenobi. Sin dal terzo episodio della serie, quello in cui Vader pronuncia le sue prime parole, è accreditato nei titoli di coda un software molto particolare: si tratta di respeecher, che si basa sull’impiego delle reti neurali e del machine learning (nello specifico nelle variational autoencoders). Il materiale che è stato codificato riguarda dei file audio che provengono dai dialoghi originali di James Earl Jones de Il Ritorno dello Jedi e L’Impero Colpisce Ancora.

    Questi file sono stati utilizzati come database nella costruzione di un corpus di suoni che è stato risintetizzato attraverso un performer vocale, che nel caso della serie Obi-Wan Kenobi è Hayden Christensen. E’ lui di fatto a doppiare il personaggio, dandogli espressività e tono, ma la voce che ascoltiamo è quella di James Earl Jones dalla trilogia originale, risintetizzata come detto attraverso questo modello di sintesi neurale basato sui suoni originali.

    La voce nei progetti futuri

    Stando ad una recente intervista, quando a Jones è stato presentato il lavoro di Respeecher, l’attore ha accettato di utilizzare le sue registrazioni vocali d’archivio per mantenere Vader vivo e vitale anche con mezzi artificiali – appropriati, forse, per un personaggio che è per metà meccanico. A Jones viene riconosciuto il merito di aver guidato la performance di Obi-Wan Kenobi e gli addetti ai lavori hanno descritto il suo contributo come quello di “un padrino benevolo”. Le menti dietro respeecher informano costantemente l’attore dei loro piani per Vader e ascoltano i suoi consigli su come mantenere la giusta rotta. E il prossimo appuntamento potrebbe essere la sua presenza nella serie Ahsoka.

    Insomma, anche se ora è ufficiale il fatto che James Earl Jones non tornerà più a doppiare il personaggio, la sua volontà e il suo permesso di utilizzare registrazioni d’archivio manterranno la voce di Vader intatta per sempre. Un’eredità preziosa che l’attore ha deciso di donare al fandom. Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere come sempre nei commenti! E continuate a seguirci, anche su FacebookYouTubeInstagram TwitterVi terremo costantemente aggiornati sull’universo di Star Wars.

    Fonte

    Gaetano Vitulano
    Gaetano Vitulanohttps://insolenzadir2d2.it
    Studente di Giurisprudenza, cinefilo incallito, nel tempo libero promotore della sacra religione di Star Wars come founder de "L'Insolenza di R2-D2". Insolente quanto basta, cerco di incamerare la mia creatività nella scrittura, nell'oratoria, e soprattutto nell'arte della risata.

    ULTIMI ARTICOLI

    All’asta l’iconico blaster di Han Solo

    Tutto ciò che riguarda la trilogia originale di Star...

    Il Primo Ordine è una “copia” dell’Impero? Facciamo chiarezza

    I detrattori della nuova trilogia di Star Wars non...

    Episodio VII: ecco la scena tagliata di Luke giovane (foto)

    Nel primo capitolo della nuova trilogia di Star Wars,...