Da qualche giorno gira su internet una storia che, se fosse vera, potrebbe preoccupare i fan di Star Wars per quanto riguarda il nuovo film Rogue One.

tony gilroy regista rogue one star wars story reshoot
Il regista Tony Gilroy, fonte: waytofamous.com

Alcune fonti dell’Hollywood Reporter infatti affermano che il compenso della persona incaricata dalla Disney per affiancare il regista Gareth Edwards durante i reshoot (ovvero nuove riprese per scene che sono già state filmate), sia aumentato a dismisura.

Si parla infatti di un cambio di cifra dai 200.000 dollari a ben 5.000.000 di dollari. Cifra che si addice più al compenso di un regista che a quello di un tecnico specifico, come quello addetto ai reshoot. Sempre queste fonti parlano di un aumento dovuto al grande lavoro in post-produzione che ha dovuto svolgere il regista Tony Gilroy. Il suo ruolo ufficiale era quello di co-autore del copione per le riprese successive.

 

Cosa ancora più preoccupante, sembra che tra le scene rigirate ci sia anche il finale, che ai piani alti sembra non essere piaciuto.

Una vecchia storia

Già mesi fa si parlava di un possibile sconvolgimento di quella che è l’atmosfera del film, in quanto a mamma Disney era parsa troppo cupa. Queste voci di corridoio non fanno che accrescere la validità di questa teoria. Ipotesi che al tempo fu liquidata dalla compagnia di Topolino come una normale prassi per film di questo calibro. A quel tempo si parlava addirittura di un ammontare di ben 40 minuti di riprese aggiuntive.

Attendiamo nuove notizie in merito, nella speranza che il prodotto che vedremo nelle sale il 15 Dicembre sia di qualità e rispetti le promesse fatte dal regista Gareth Edwards circa il tono del film. Che, lo ricordiamo, riguarda un periodo di oscurantismo e guerra, dove le speranze della ribellione erano più che mai flebili. Continuate a seguirci, vi terremo aggiornati su tutte le novità riguardanti il mondo di Star Wars.