In questi ultimi anni, nei quali si è sviluppata la trilogia sequel di Star Wars, uno dei misteri più intriganti che ha preso piede è sicuramente quello delle Regioni Ignote. Una porzione di galassia costantemente nominata in molte opere (anche non cinematografiche) ma ancora avvolta nel mistero. Con Episodio IX forse parte di questi misteri ci verranno svelati: un recente leak infatti ci parla di una “flotta Sith” e altre novità riguardanti le Regioni Ignote e non. Vediamo di cosa si tratta.

La flotta Sith e le Regioni Ignote

flotta sith Un Sith Trooper nella prima immagine ufficiale
La prima immagine ufficiale dei Sith Trooper.
Fonte: Mouse – La Tercera

Le indiscrezioni provengono dal sito MakingStarWars, che ormai sapete essere una fonte che raramente sbaglia. Secondo la fonte i Sith Trooper sono stati nascosti nelle Regioni Ignote per 30 anni. La vita in quelle aree dovrebbe essere davvero infernale: è una zona “non del tutto stabile”, nonché pericolosa e piena di insidie. Dalla morte dell’Imperatore Palpatine la flotta Sith ha schivato pozzi gravitazionali ed è sopravvissuta nel deserto dello spazio nelle Regioni Ignote in attesa di essere trovata e di finire la sua missione. Questo è il motivo per cui Kylo Ren avrebbe bisogno di un dispositivo Wayfinder per cercare questa flotta perduta: essa è la chiave di cui ha bisogno per sbloccare l’eredità di Palpatine.

Kylo ottiene questo dispositivo da un alieno che sembra un ragno con la faccia di un bambino (davvero inquietante) che funge da oracolo. La flotta dovrebbe rappresentare una specie di vaso di Pandora per Kylo, ​​poiché egli sarebbe consapevole di ottenere qualcosa di potente al suo servizio, ma Palpatine non è così disposto a condividere i suoi giocattoli con nessuno. I piani di emergenza di Palpatine non avrebbero permesso che il nipote di Darth Vader ricevesse la sua eredità.

Nuove super armi

combattimento analisi del trailer di episodio ix the rise of skywalker
Rey osserva i resti della Morte Nera alla fine del trailer

I Sith trooper che appartengono a Palpatine sono nascosti all’interno di una flotta enorme, probabilmente tenuta come atto finale in modo che alla sua resurrezione potesse dominare ancora una volta l’universo. Anche la seconda Morte Nera non era l’ultimo progetto bellico di Palpatine. Secondo questo leak esisterebbero degli enormi Star Destroyer equipaggiati con la stessa potenza della Morte Nera, in grado di danneggiare o distruggere un intero pianeta.

A questo punto quello che si chiede Jason Ward di MSW (e anche noi) è come la flotta Sith sia potuta sopravvivere per oltre 30 anni. Potrebbero essere cloni? Sembra che tutta questa questione della flotta sia l’elemento di collegamento con il ritorno di Palpatine. Una delle ipotesi è che Kylo, una volta trovata, non apprezzi la flotta che ora gli appartiene; e che essa risulti essere la chiave tramite cui potrebbe apprendere di far parte di un complotto più grande per trovare l’Imperatore Palpatine. Snoke potrebbe aver parlato a Kylo della flotta nascondendo il motivo per cui la stavano cercando, o forse nemmeno lo conosceva. L’eventuale ritorno di questa flotta Sith potrebbe svelare molti segreti su Palpatine; tra questi potrebbe esserci anche quello della connessione di Rey con i suoi piani? 

Le domande che potremmo porci sono davvero tante, e avremo modo di parlarvene in altri articoli. Invitandovi a prendere questi rumors con le pinze, che ne pensate della flotta Sith e dei nuovi super Star Destroyer? Ditecelo come sempre nei commenti! Continuate a seguirci, vi terremo costantemente aggiornati su tutte le novità riguardanti Episodio IX e l’universo di Star Wars.

Fonte: MSW