More

    Ecco come funziona l’iconico elmo di Darth Vader e come lo tiene in vita

    -

    L’elmo di Darth Vader è sicuramente uno degli elementi più rappresentativi della saga di Star Wars: un oggetto senza tempo divenuto leggendario, come il personaggio che lo indossa. Oltre al suo tipico aspetto, vi sarete chiesti spesso come funzioni e come riesca a tenere in vita Vader: di seguito andremo a scoprire proprio queste sue caratteristiche.

    Le funzionalità dell’elmo

    planimetria elmo di darth vader
    Una planimetria dell’elmo di Vader

    Le ferite riportate da Anakin dopo lo scontro con Obi-Wan su Mustafar erano gravissime: oltre ad aver perso gli arti, le ustioni avevano compromesso quasi tutte le funzioni vitali, soprattutto la vista e l’apparato respiratorio. Si può dire che Vader sia riuscito a sopravvivere grazie all’odio e alla Forza; ciò però sarebbe bastato solo per un breve lasso di tempo. L’armatura, pur con tante limitazioni, gli permetteva di continuare a vivere grazie a tantissime funzionalità: ogni suo “pezzo” aveva uno scopo ben preciso, e l’elmo non faceva eccezione.

    Oltre ad avere un design intimidatorio, l’elmo conteneva degli aghi neurali collegati alla parte superiore del cranio e della colonna vertebrale, in modo tale da formare un’unità interconnessa. Senza questi aghi infatti non sarebbe stato in grado di utilizzare i suoi nuovi arti artificiali. Gli aghi fungono quindi da “nervi”, mandando dati neurologici delle onde cerebrali al computer centrale posto nel torace.

    Il respiro e la vista

    armatura di Darth Vader e segreto di io sono tuo padre in star wars
    Darth Vader in Episodio V

    L’elmo ovviamente contiene funzionalità che permettono a Vader di respirare, parlare e vedere in maniera ottimale. Le ustioni infatti, oltre ad aver compromesso il suo apparato respiratorio, hanno danneggiato anche le retine e le corde vocali. La famosa “griglia” triangolare fungeva da filtro dell’aria; quest’ultima veniva spostata da una sacca piatta contenuta nella parte superiore della maschera, che convogliava ossigeno ai polmoni. Questa pompa con un sistema di ventilazione permetteva a Vader di respirare, e produceva il suo classico respiro.

    Un impianto vocoder collegato ad un sintetizzatore vocale elettronico permetteva poi alle corde vocali bruciate di Vader di produrre suoni e quindi discorsi. Le lenti ottiche fungevano da filtri visivi, consentendo a Vader di rilevare lunghezze d’onda infrarosse e ultraviolette, bloccando al contempo la luce in eccesso; ciò a causa dell’impossibilità di riparare le sue retine danneggiate. Inoltre, le lenti erano anche dotate di un display HUD che forniva automaticamente tantissimi dati: se ad esempio Vader entrava in nuovi ambienti poteva ottenere informazioni sulla composizione atmosferica, le bio-firme vicine, ecc.

    Altre caratteristiche

    elmo di darth vader grido episodio iii
    La nascita completa di Darth Vader

    L’elmo era dotato inoltre di amplificatori audio e smorzatori sonori; questi ultimi erano in grado di ridurre il rumore come difesa contro le armi soniche. Essi potevano estendere la portata dell’udito di Vader a 40 kHz. Un sistema di tubi di alimentazione gli permetteva poi di cibarsi, anche se poteva ingerire solo una poltiglia nutriente ma disgustosa. Tantissimi altri dettagli sul funzionamento dell’elmo e dell’armatura sono contenuti nel libro Darth Vader: A 3-D Reconstruction Log. Sottolineiamo però che questo bel manuale non è ad oggi canonico.

    Siamo certi però che eventuali libri o guide future sul tema non differiranno molto da quelle enunciate in quel manuale. Cosa ne pensate delle funzionalità dell’elmo di Darth Vader? Ditecelo come sempre nei commenti! Continuate a seguirci su Facebook e Instagram, vi terremo costantemente aggiornati su tutte le novità riguardanti Star Wars. Se siete interessati all’acquisto del manuale, lo trovate qui:

    Gaetano Vitulanohttps://insolenzadir2d2.it
    Studente di Giurisprudenza, cinefilo incallito, nel tempo libero promotore della sacra religione di Star Wars come founder de "L'Insolenza di R2-D2". Insolente quanto basta, cerco di incamerare la mia creatività nella scrittura, nell'oratoria, e soprattutto nell'arte della risata.

    ULTIMI ARTICOLI

    The Mandalorian: Jon Favreau conferma la data d’uscita della seconda stagione!

    La pandemia di coronavirus ha causato non pochi rallentamenti...

    The Clone Wars: in sviluppo un sequel della serie! (Rumor)

    Dopo 12 anni dalla sua uscita, The Clone Wars...

    Chi potrebbe percepire la presenza di Grogu su Tython?

    Nel capitolo 13 di The Mandalorian abbiamo avuto molti...