More

    EA cancella il progetto open world di Star Wars

    -

    Oggi siamo qui a parlarvi della conclusione di una storia che definire travagliata è poco. Sembra che l’ambizioso progetto di un videogioco open world di Star Wars, in sviluppo presso EA Vancouver, sia stato definitivamente cancellato. A rivelarlo è stato Jason Schreier, scrittore per Kotaku, che ha riportato indirettamente la decisione di EA. Vediamo tutte le vicende e i presunti motivi che hanno portato a questa scelta.

    L’open world di Star Wars

    campagna open world ea visceral games star wars gioco 2018
    Immagine dal videogioco che, dopo la chiusura di Visceral Games, passò a EA Vancouver

    Tutto cominciò quando, tempo fa, si diffuse la notizia della chiusura di Visceral Games da parte di EA. La software house stava lavorando ad un ambizioso e promettente titolo a tema Star Wars (un action in stile Tomb Raider o Uncharted, con una trama lineare e ambientazioni da percorrere per avanzare nella storia), che però paradossalmente ne ha causato il declinoEA al tempo rassicurò tutti promettendo che il gioco sarebbe stato portato avanti, ma che avrebbe virato su un altro aspetto. Noi all’epoca, riportando la notizia, suggerimmo quello dell’open world, ed effettivamente fu proprio quella la strada intrapresa: il progetto venne quindi affidato ad EA Vancouver.

    Da queste vicissitudini è passato quasi un anno, periodo in cui nulla è stato mostrato in merito al progetto. Tutto quello che sappiamo è che il titolo aveva il nome in codice “Orca” e si trovava in una fase di sviluppo molto iniziale. Il giocatore avrebbe interpretato un cacciatore di taglie che avrebbe esplorato vari pianeti open-world, lavorando per differenti fazioni all’interno dell’universo di Star Wars.

    I motivi della cancellazione

    gioco star wars e3 2017 visceral games
    Un bozzetto mostrato lo scorso anno del gioco di Visceral Games

    Sempre secondo la stessa fonte, la cancellazione è arrivata perché lo sviluppo del gioco avrebbe richiesto ancora molto tempo ed EA aveva bisogno di lanciare qualcosa prima, nello specifico entro il 2020. Fortunatamente non ci sono stati licenziamenti in seguito al taglio del gioco. Ad oggi non possiamo sapere se questa scelta sia derivata anche dal fatto che la già travagliata storia del titolo ne stesse inficiando la qualità, ma si tratta senza dubbio dell’ennesimo buco nell’acqua da quando Electronic Arts si occupa dello sviluppo videoludico di Star Wars. Una storia fatta di molti fallimenti e poche gioie.

    Vedremo se questo ricco 2019 ci riserverà qualche lieta sorpresa anche nell’ambito videoludico del franchise. Continuate a seguirci! Vi terremo costantemente aggiornati su tutte le novità riguardanti l’universo di Star Wars.

    Fonte: Kotaku.com

    Redazione Insolentehttps://insolenzadir2d2.it
    Pensavate davvero che un droide non potesse essere caporedattore? Poveri illusi.

    ULTIMI ARTICOLI

    In arrivo una serie sequel di Rebels con Ahsoka e Sabine?

    La chiusura della saga degli Skywalker non pone fine...

    Hayden Christensen è pronto a tornare in Obi-Wan Kenobi: ecco le foto del suo look!

    Qualche mese fa l'annuncio del coinvolgimento di Darth Vader...

    Obi-Wan Kenobi: un nuovo forte indizio sulla presenza di Qui-Gon nella serie!

    Uno dei più grandi desideri dei fan per la...