Negli ultimi giorni, come saprete, è letteralmente scoppiato quello che è stato soprannominato “il caso Harvey Weinstein“. Il famoso produttore Hollywoodiano è nella bufera in merito alle accuse, anche decennali, di molestie sessuali nei confronti di molte donne del mondo dello spettacolo. Purtroppo, si è scoperto che non si trattava di un caso isolato: moltissime donne hanno cominciato a denunciare i torti subiti. Una di queste spiacevoli situazioni coinvolge la nostra amata Carrie Fisher.

La vicenda non coinvolge l’attrice in prima persona, ma riguarda il come la nostra Leia abbia difeso una sua cara amica da alcuni comportamenti molesti. Una storia che ci fa amare ancora di più la compianta attrice.

La vicenda e la difesa

carrie fisher difende un'amica dalle molestie
Daisy Ridley e Carrie Fisher.
Da: cinefilos

A raccontare l’accaduto è proprio la protagonista, ovvero Heather Ross, grande amica di Carrie Fisher. In questi giorni, la Ross ha raccontato di come l’attrice non tollerasse alcun tipo di comportamento che potesse far presagire una molestia. Così, quando la Ross tempo fa le confessò che un produttore cinematografico le aveva fatto delle avance pesanti e sgradevoli, Carrie Fisher non le mandò a dire. L’attrice infatti inviò all’uomo una lingua di mucca con una biglietto: “Se osi toccare un’altra volta la mia cara Heather o qualsiasi altra donna, la prossima volta troverai qualcosa di tuo in una scatola molto più piccola”. Un gesto fortissimo ma assolutamente giustificato, che ha sicuramente evitato conseguenze peggiori.

Una vicenda, come detto, che non fa che aumentare la stima nei confronti di Carrie Fisher, già altissima per ogni fan di Star Wars. Tutti sappiamo infatti che, nonostante alcuni problemi personali, la Fisher sia stata una grande donna.

Un tema importante

billie lourd parla di sua madre carrie fisher e star wars
Carrie Fisher e sua figlia Billie Lourd in Star Wars Episodio VII.
Da: metro

Oggi abbiamo voluto raccontare questo aneddoto che esula dal tema Star Wars, nonostante la presenza della nostra Carrie Fisher. Lo abbiamo fatto soprattutto per sensibilizzare ancor di più a questo tema importantissimo. Per fortuna, in questi giorni tantissime donne, dello spettacolo e non, stanno denunciando molestie di vario genere. Per seguire le loro storie vi segnaliamo gli hashtag #MeToo, lanciato dall’attrice di Streghe Alyssa Milano, e #quellavoltache, promosso in Italia dalla scrittrice Giulia Blasi.

Inoltre, vorremmo incoraggiare tutte le nostre lettrici che, malauguratamente (speriamo non ce ne sia nessuna) abbiano subito violenze dai propri partner e non, a non avere paura e denunciare qualsiasi tipo di sopruso. Che la Forza sia con voi!

 

Fonte: Wired.it