Che Rogue One: A Star Wars Story fosse pieno di camei importanti da parte di personaggi interni alla saga, ne avevamo già parlato. Come sappiamo, quel bravo furbone di Gareth Edwards ci ha donato una pellicola assolutamente meravigliosa riuscendo anche ad inserirci un fan-service di gusto. Ma ci sono dei camei secondari, che non si trovano facilmente. Un cameo di questi riguarda proprio il regista.

Era noto, infatti, che Edwards fosse comparso nel film, ma nessuno era ancora riuscito a scovare quale fosse il ruolo da lui assunto nella sua opera. Recentemente l’arcano mistero è stato svelato da un fan di nome Leonardo Valdivia. Egli è riuscito, infatti, ad identificare Gareth Edwards in un ruolo estremamente cruciale per i fini non solo della trama, ma dell’intera saga.

Un ruolo importante

Il regista è infatti il soldato ribelle che, nella bellissima scena finale con quel Darth Vader senza freni che abbiamo tanto amato, riesce a sganciare la nave Tantive IV. Mettendo così temporaneamente in salvo la Principessa Leia e i nostri droidi preferiti. Pensate che Edwards dichiarò in un’intervista che era solito, prima di andare a scuola, guardare i primi dieci minuti di Episodio IV. Ora, non solo egli è riuscito ad essere regista di un film della sua saga preferita, ma ha recitato nel ruolo che ha reso possibile gli avvenimenti narrati nella saga. C’è qualcosa di più bello? E’ il sogno di ognuno di noi, fare parte del vasto universo di Star Wars.

Registi che spuntano come funghi

Ma c’è una curiosità ancora più assurda riguardo questa comparsa. Gareth Edwards non solo ha recitato in Rogue One, ma avrà anche un piccolo ruolo nel prossimo Episodio VIII, in uscita in questo 2017. Il film verrà, come sappiamo, diretto da Rian Johnson. Che, pensate un po’, è apparso  a sua volta in un cameo in Rogue One. Lo vediamo infatti come soldato della Morte Nera incaricato di far sparare la super-arma nella scena della distruzione della capitale del pianeta Jedha.

Insomma, un regista per i ribelli, un regista per l’impero.