Dopo il teaser che ci venne mostrato lo scorso Febbraio, è stato finalmente rilasciato (insieme ad alcuni nuovi poster davvero intriganti) anche il primo trailer integrale di Solo: A Star Wars Story, secondo spin-off della saga dedicato alle avventure della giovane canaglia Han Solo. Con tutta probabilità esso sarà anche l’ultimo, dato che manca ormai poco più di un mese all’uscita della pellicola nelle sale cinematografiche (in Italia è prevista per il prossimo 23 Maggio).

Anche questo trailer da più di due minuti, come di consueto, è ricco di curiosità e chicche. Andrò quindi ad analizzarlo, tentando di carpire più elementi possibili e scoprire cosa ci attende il prossimo Maggio al cinema.

I temi noti

analisi del trailer di solo a star wars story
Una stupenda inquadratura della partita di Sabacc. Dal trailer

Partiamo col dire che il trailer si presenta con un piacevolissimo sound, che si intensifica man mano che aumentano le scene d’azione, in un crescendo di emozioni davvero intriganti. Una particolarità che avevamo potuto notare anche nel teaser, contraddistinto da un inconsueto ma bellissimo tono rock. Spero vivamente che siano il preludio ad una gran colonna sonora, che sarà curata da John Powell e in parte anche dal Maestro John Williams. Il trailer ci presenta i temi portanti della pellicola: la formazione dell’equipaggio, la partita di Sabacc nella quale Han vincerà il Falcon (presumibilmente), il rapporto tra lui, Chewbe e la misteriosa Qi’ra e soprattutto quella che sembra essere la fantomatica rotta di Kessel. La cosa interessante è che ad oggi pochissimo conosciamo in merito alla trama principale del film.

Spesso come sappiamo i trailer peccano in questo senso, svelando parti di trama importanti. Qui invece conosciamo tutto a grandi linee, nell’attesa di poterci gustare la sorpresa al cinema. Uno dei pochi elementi che ci vengono svelati è che la volontà di formare l’equipaggio non viene da Beckett (mentore di Han interpretato da Woody Harrelson) ma dal gangster Dryden Vos, che sarà invece interpretato da Paul Bettany (sottolineo che il personaggio non ha alcuna parentela con il jedi Quinlan Vos).

Le chicche del trailer

analisi del trailer di solo a star wars story
Chewbacca e un altro “misterioso” Wookiee che potrebbe essere un suo parente

I toni della pellicola, come possiamo notare, saranno molto western. Nella scena iniziale in cui Han si trova di fronte ad Enfys Nest e alla Cloud-Rider Gang si nota il particolare modo in cui apre la fondina (come già visto nel teaser): gesto molto simile a quello compiuto nella Cantina di Mos Eisley prima di far secco Greedo. Proseguendo, notiamo che Beckett ad un certo punto passa ad Han un blaster, dopo averlo baciato. Si tratta senza dubbio dell’iconico blaster DL-44 della nostra canaglia preferita. Ci viene poi presentato L3, droide dalle fattezze femminili al soldo di Lando Calrissian. Inutile soffermarci su quest’ultimo, se non per sottolineare che l’interpretazione di Donald Glover sembra davvero stupenda ed impeccabile.

Una delle chicche più interessanti del trailer riguarda Chewbacca. Ad un certo punto lo vediamo scambiarsi un gesto affettuoso con un altro wookiee: per molti potrebbe essere semplicemente un rappresentante qualsiasi della sua specie, ma state certi che c’è di più. Potrebbe infatti trattarsi con tutta probabilità della moglie o del figlio di Chewbe, ovvero di Malla o di Lumpawaroo. Due personaggi che conosciamo dal lontano 1978, presentati in occasione del discutibile Holiday Special. Entrambi sono stati di recente canonizzati nella trilogia di Aftermath. Ritengo che il wookiee che vediamo nel trailer sia il figlio di Chewbe, Waroo. Non vedo l’ora di scoprirlo!

Altri riferimenti

analisi del trailer di solo a star wars story
Il design dei nuovi Range trooper imperiali

Ad un certo punto Beckett dà un particolare consiglio ad Han: “Parti dal principio che ti tradiranno, e non rimarrai mai deluso“. Una frase che ci aiuta a capire quanto il mentore abbia forgiato il suo pupillo, che dovrà trasformarsi nell’Han diffidente di Episodio IV che tutti conosciamo. La frase potrebbe anche essere un riferimento al futuro tradimento concreto di Lando ne L’Impero Colpisce Ancora. Un’altra frase che mi ha fatto sorridere è stata quella pronunciata da Han: “ho un gran bel presentimento“. Ovviamente è un chiaro riferimento alla frase opposta “ho un gran brutto presentimento“, pronunciata in ogni film e marchio di fabbrica della saga. Molto divertente l’ottimismo con cui Han la pronuncia, che non fa presagire nulla di buono come conseguenza.

Alla fine del trailer, durante quella che con tutta probabilità sarà la rotta di Kessel, ci viene svelata l’età di Chewbe (che in realtà già potevamo presumere). Nel periodo in cui è ambientato Solo il nostro Wookiee ha 190 anni; sappiamo bene che in Episodio IV egli ha circa 200 anni. Ovviamente ci sono tantissime altre scene interessanti, come quella del treno (che sarà sicuramente preponderante) in cui compaiono i nuovi ed accattivanti Range trooper imperiali.

Insomma, una marea di chicche accompagnano quello che si prospetta un piccolo gioiello per i fan più attenti. Ovviamente ci auguriamo che sia un film godibile per tutti, anche per coloro che si approcciano a Star Wars per la prima volta. Non ci resta che aspettare il 23 Maggio per scoprirlo. Nella speranza che questa analisi vi sia piaciuta, continuate a seguirci! Vi terremo costantemente aggiornati su tutte le novità riguardanti l’universo di Star Wars.