In questi giorni decine di nuove informazioni stanno circolando su Episodio VIII, prossimo film della saga, in uscita a dicembre. Molte di queste notizie le stiamo ottenendo da interviste a Vanity Fair, rilasciate dai vari interpreti e dal regista Rian Johnson. Tra queste interviste, per irriverenza e argomento, spiccano in maniera marcata quelle di Mark Hamill. L’attore è noto per non avere molti peli sulla lingua quando si tratta di dire ciò che pensa.

In una di queste, Hamill racconta dello strano rapporto lavorativo che c’è stato durante le riprese del film tra lui e l’attore Adam Driver. L’interprete del personaggio di Kylo Ren, infatti, sembra che non abbia voluto legare.

All’interno di Kylo

kylo ren adam driver foto vanity fair star wars
Adam Driver nei panni di Kylo Ren per il servizio fotografico di Vanity Fair.

Ovviamente, all’interno di un set si stabiliscono rapporti piacevoli e di intrattenimento reciproco, nel caso di un clima sereno durante le riprese. Anche Hamill è riconosciuto per il carattere gioviale e burlone che tiene costantemente anche al di fuori delle riprese. Così, per unire questa sua naturale propensione ai buoni rapporti e per migliorare l’interpretazione del ruolo, Mark ha cercato di legare con l’attore Adam Driver con un invito a pranzo. Affinché potesse immedesimarsi meglio nella relazione che lega Luke a suo nipote Kylo Ren. Ma sembra che qualcosa sia andato storto. Vi riportiamo infatti le parole di Hamill:

“He’s very moody and intense. I remember saying to Adam, I don’t know how you work, or your technique. But, at some point, you were my nephew. I probably bounced you on my knee. I probably babysat for you. There’s that side, and now we’re both estranged from the Skywalker family. All I’m suggesting is, if you’d like, maybe we could go to lunch, we could get together and hang out.”

Lui [Adam Driver ndr.] è veramente lunatico e intenso. Ricordo di aver detto ad Adam: Non conosco come lavori, o la tua tecnica. Ma un tempo tu eri mio nipote. Probabilmente ti ho fatto saltare sulle mie ginocchia. Forse ti ho fatto da babysitter. C’è quel lato, ed ora ci siamo entrambi allontanati dalla famiglia Skywalker. Tutto quello che sto suggerendo e che se lo volessi, potremmo andare a pranzo , potremmo andare ed uscire insieme.

Amore non corrisposto

La risposta è stata un netto rifiuto da parte di Adam Driver. Infatti, secondo la sua visione, per migliorare la sua performance, sarebbe meglio che egli si isolasse dagli altri attori. Sappiamo tutti, infatti, che Ben Solo non è certamente un simpaticone. Dunque, meglio costruire il proprio personaggio dalle basi, facendo trasparire una certa indifferenza verso i legami di amicizia tra colleghi. Anche John Boyega ha dichiarato che Adam Driver preferisce lavorare in questo modo. Sembra, infatti, che ogni tanto John vada da Adam per abbracciarlo senza un apparente motivo. Per tutta risposta l’attore che interpreta Kylo Ren rimane impassibile, aspettando che Finn termini il suo gesto di affetto.

Che sia proprio il carattere dell’attore così scontroso? O è effettivamente il suo modo di prepararsi al ruolo? Chissà, noi siamo convinti che il suo modo di fare sia dettato solo dalla maniacale preparazione ad un ruolo affascinante e complesso. Non potremmo essere più felici per la scelta di Adam Driver. Sappiamo quindi che egli rimane in ogni caso un attore fantastico, e non vediamo l’ora di rivederlo in azione nel prossimo film.